informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

I 7 segnali che ti dicono che il colloquio di lavoro è andato bene

Commenti disabilitati su I 7 segnali che ti dicono che il colloquio di lavoro è andato bene Studiare a Bari

Un colloquio è una delle parti più importanti del processo di assunzione. Offre sia all’azienda che al candidato l’opportunità di determinare se si adattano o meno alla posizione aperta.

Sebbene non sia sempre facile determinare quanto è andato bene un colloquio di lavoro, ci sono alcuni indicatori che puoi utilizzare per valutare l’interesse del responsabile delle assunzioni.

In questo articolo, discutiamo i 7 segnali sicuri che indicano che hai impressionato il responsabile delle assunzioni e che sei diventato un potenziale candidato per la posizione.

Richieste specifiche sulle mansioni lavorative

Il tuo reclutatore ti ha interrogato circa le specificità del tuo lavoro e le tue responsabilità in quel ruolo? Il fatto che un responsabile delle risorse umane si prenda il tempo necessario per entrare nei dettagli essenziali può significare che si è sentito abbastanza sicuro delle tue capacità da portare la conversazione a quel livello.

Reazioni positive

Se il reclutatore fornisce un feedback positivo durante il colloquio, sei sulla strada giusta. Questo può essere un segno ovvio ma rivelatore di un colloquio riuscito. Osserva come reagisce il responsabile quando rispondi alle domande.

Un colloquio che scorre in modo naturale può dimostrare ed evidenziare le tue capacità comunicative e interpersonali. Valutare la comunicazione non verbale dell’intervistatore e il modo in cui reagisce alle risposte del colloquio può anche aiutarti a determinare il suo livello di coinvolgimento. Inoltre, un colloquio che fluisce naturalmente da un discorso di lavoro a una conversazione casuale può aiutarti a sviluppare il rapporto di cui hai bisogno per convincere il responsabile delle assunzioni che hai ottime doti comunicative.

Risposte positive come “È esattamente vero”, “Ottima risposta” o “Sì, è proprio quello che stiamo cercando” sono indicazioni chiave del fatto che abbia avuto un’ottima impressione di te. Più feedback positivi ricevi, più è probabile che tu possa andare avanti nel processo di assunzione.

Ricevi un invito per un secondo incontro

Con questo, è facile capire se il colloquio è andato a buon fine. Ricevere la richiesta di presentarsi nuovamente è il miglior segno che tu sia andato bene! Ricorda però che non sarai il solo ad aver passato il primo round.

Sii fiducioso nelle tue capacità, ma non ignorare la necessità di prepararti per un secondo colloquio solo perché pensi di avere il lavoro in tasca. Prenditi il ​​tempo per prepararti con la stessa attenzione che hai fatto per il primo incontro.

Il reclutatore ti presenta il lavoro

I colloqui di lavoro non riguardano solo la valutazione se il candidato è adatto o meno per la posizione, ma anche se la posizione è adatta per il candidato. Quando un responsabile delle assunzioni ti offre molti dettagli extra sull’azienda o sulla posizione aperta, è possibile che stia cercando di persuaderti e istruirti sui vantaggi di lavorare per l’azienda.

Se il reclutatore dedica del tempo a promuovere i punti salienti della posizione, la mission aziendale e il motivo per cui ama lavorare lì, questo è un buon segno. Il responsabile delle assunzioni probabilmente non tenterebbe di “venderti” il lavoro se non avesse alcuna intenzione di considerarti per la posizione. Un altro buon segno è quando un reclutatore chiede quando potresti iniziare a lavorare se fossi assunto.

Inoltre, se l’intervistatore si prende del tempo per presentarti l’ufficio o mostrarti il ​​posto di lavoro in cui lavorerai nel caso in cui venissi assunto, può indicare che ti stia considerando per la posizione. Un altro indicatore di successo potrebbe essere il fatto che il reclutatore discuta con te i vantaggi della posizione, come il tempo libero, l’assicurazione e altri vantaggi legati al lavoro come l’abbonamento a una palestra o il pranzo gratuito.

Il colloquio dura più del previsto

Sebbene ci siano molti fattori che possono influire sulla durata di un colloquio, più tempo trascorre con te un responsabile delle assunzioni, più è probabile che sia interessato alle tue capacità e qualifiche. Naturalmente, anche la fase in cui ti trovi nel processo di assunzione può influire sulla durata del colloquio.

Il reclutatore ha passato del tempo a porre domande di qualità, ad ascoltare le tue risposte e a discutere con te i dettagli della posizione? Se ti è sembrato di essere uscito con un’idea completa della posizione e il tuo colloquio è durato più di 30 minuti, cc’è una buona probabilità che il reclutatore fosse interessato ad assumerti.

Inoltre, è un’ottima notizia se ti vengono forniti biglietti da visita o linee di contatto dirette, come un’e-mail o anche un numero di cellulare. Ancora meglio se lui o lei ti incoraggiano a contattarti in qualsiasi momento qualora avessi domande o dubbi.

Domande sullo stipendio

La maggior parte dei reclutatori non entrerà nella (a volte imbarazzante) discussione sulla retribuzione, a meno che non sia seriamente intenzionato ad assumerti. Le domande in fase di colloquio sul tuo stipendio attuale e passato o quale stipendio ti aspetti di ricevere possono essere buoni segnali del fatto che ti stiano seriamente considerando per il lavoro.

In generale, se un reclutatore discute le tue opportunità future con l’azienda potrebbe seriamente considerarti per la posizione. Per questo, potrebbero anche farti domande sui tuoi obiettivi futuri nel settore o con l’azienda. Ciò significa che sono interessati a conoscere i tuoi obiettivi di carriera per vedere se sei adatto all’azienda.

Sei presentato allo staff

Considera una notizia positiva se il tuo reclutatore ti ha fatto fare un giro in ufficio e ti ha presentato ai membri dello staff. Quando lo fa, è possibile che stia valutando le tue interazioni con i membri chiave del team o che voglia vedere come ti adatterai all’ambiente di lavoro. Molti processi di assunzione richiedono che il candidato completi un colloquio con più membri del team.

Il responsabile delle assunzioni potrebbe anche presentarti la persona che sarà il tuo assistente o l’addetto alla reception che risponderà alle tue telefonate per avere un’idea di come interagisci con loro. Se devi incontrare qualche dirigente o personale di alto livello, prendilo come un buon segno del fatto che sei sulla buona strada per l’assunzione.

Se nessuna di queste cose accade, ricorda che potrebbe non essere dovuto a qualcosa che hai fatto o non hai detto. Ci sono molte ragioni per cui i candidati non vengono invitati per un secondo colloquio e alcune di quelle non hanno nulla a che fare con il candidato. Non biasimarti: se questo lavoro non funziona, significa che non era la posizione per te. Continua nella ricerca e si presenterà l’occasione giusta.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali