informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come lavorare nei musei: ecco i migliori Master da seguire

Commenti disabilitati su Come lavorare nei musei: ecco i migliori Master da seguire Studiare a Bari

Sei un amante dell’arte e della cultura e vorresti sapere come lavorare nei musei?

La tua è davvero una bella passione. Ma per farla diventare una professione occorre anche studiare e ottenere le competenze necessarie.

Se i tuoi preferiti tra i musei cercano personale, o vuoi partecipare ai concorsi beni culturali, ma non sai se hai i titoli idonei per farlo, non preoccuparti. Ti trovi nel posto giusto.

In questo articolo, infatti, ti sveleremo i segreti per accedere a questo ambito lavorativo. Suggerendoti, tra le altre cose, anche il percorso di studi più adatto a te. I Master più spendibili nel mercato del lavoro, infatti, passano anche da questo settore.

Adesso che abbiamo focalizzato l’argomento cardine che andremo a trattare, non ci rimane che entrare nel merito della questione.

Sei pronto? Iniziamo subito.

Ecco ciò che devi sapere per lavorare nei beni culturali

Le offerte lavoro musei e gallerie pubbliche prevedono una selezione attraverso concorsi di carattere nazionale. Queste vengono generalmente indette e coordinate dal MIBAC, ovvero dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Oppure da enti appositamente predisposti, che hanno la prerogativa di pubblicare avvisi pubblici in Gazzetta Ufficiale. Al fine di introdurre nuove risorse per svolgere lavoro nei musei presenti sul territorio. Ma per quali ruoli? E quali competenze sono richieste? Parleremo proprio di questo nei prossimi paragrafi.

Offerte lavoro Musei: posizioni più richieste

Ora che abbiamo chiarito come lavorare nei musei, ovvero qual è la procedura pubblica per essere assunti, andiamo a scoprire le figure professionali più richieste nei concorsi.

Ecco una lista omnicomprensiva:

  1. Archivisti;
  2. Restauratori;
  3. Personale rapporti con il pubblico e accoglienza;
  4. Educatori museali;
  5. Operatori nei Musei addetti biglietteria;
  6. Responsabili bibliotecari;
  7. Responsabili amministrativi;
  8. Personale di segreteria;
  9. Addetti stampa;
  10. Web master;
  11. Addetti alla sicurezza;
  12. Addetti alla progettazione e agli allestimenti di spazi museali e mostre.

Apriamo adesso la parentesi “stage musei“. 

Se la tua ambizione, in alternativa a comprendere come lavorare nei musei, è quella di provare a svolgere un tirocinio presso il Mibact, ti consigliamo di seguire questa procedura:

  1. Consulta sito e bandi, oppure contatta l’Ufficio Comunicazione, per sondare la possibilità di poter adempiere ad alcune mansioni ricopribili con le tue capacità e con la tua disponibilità;
  2. In caso di riscontro positivo, recarti presso gli uffici dedicati ai tirocini o della soprintendenza più vicino a te;
  3. Compila i moduli relativi al progetto e al tirocinio richiesti e segui la procedura che ti verrà indicata per la consegna e l’eventuale approvazione;
  4. Preparati e attendi l’inizio del tirocinio.

offerte lavoro museiOltre a concorsi pubblici e stage, puoi anche tenere d’occhio annunci e regole di ingaggio in merito al lavoro nei musei privati. Ma anche collaborazioni esterne e temporanee, ruoli vacanti in organizzazioni e Fondazioni di varia natura.

Oppure pensare a come lavorare nei Musei Vaticani. Tutte categorie che potrebbero seguire iter differenti tra loro.

Ti conviene rimanere sempre in allerta. Da Bari a Firenze o ai beniculturali Torino, poco cambia. Perché, come detto, solitamente i concorsi sono nazionali.

E poi perché hai l’opportunità di formarti attraverso i corsi e i master online erogati dall’Università Telematica Unicusano. Grazie ai quali puoi seguire le elzioni in modalità e-learning quando vuoi e da dove vuoi.

Lavoro beni culturali: i corsi che ti danno più possibilità

Ma quali sono i corsi in grado di dare una preparazione adeguata a poter spiccare nei concorsi nei musei?

Ovviamente dipende anche dal tipo di ruolo che per cui ti candidi. Tenendo in considerazione le 12 professioni che abbiamo elencato nel precedente paragrafo, possiamo fare una cernita dei corsi più utili a rispondere alle diverse offerte lavoro beni culturali.

  1. Museologia, gestione e valorizzazione dei beni culturali. Si tratta di un Master di I livello. Perfetto per te, se hai intenzione di assimilare concetti teorici, ma anche esempi organizzativi pratici. Oltre a scoprire (o affinare) l’utilizzo delle tecnologie applicate in ambito museale. Il tutto finalizzato alla nascita o al consolidamento di una carriera professionale nel settore;
  2. Curatore museale. Corso di Perfezionamento e aggiornamento. Gli sbocchi lavorativi sono quelli relativi a impieghi nei settori della progettazione museale, dell’organizzazione e dell’allestimento di collezioni permanenti o temporanee;
  3. Arts communication – L’arte di comunicare l’arte. Se una galleria d’arte cerca assistente nell’ambito della comunicazione, questo master di I livello è perfetto. Soprattutto se sei interessato ad organizzare piccole mostre ed eventi correlati. Oppure trovare un’occupazione nell’ambito creativo della gestione di beni culturali, come in uffici stampa o agenzie di comunicazione focalizzate su questo settore;
  4. La comunicazione nella P.A. Ancora un Master di I Livello. Incentrato in particolare sulle opportunità di comunicazione possibili grazie all’utilizzo di internet e dei social network da parte di enti pubblici. Adatto soprattutto per formare operatori degli Uffici di Relazione con il Pubblico;
  5. Security Manager. Altro corso di perfezionamento e aggiornamento professionale. Avente come scopo quello di formare manager esperti nel settore della sicurezza pubblica e privata. Ma anche in grado di possedere un’ottima conoscenza del business ed essere nelle condizioni di operare in modo trasversale nei processi aziendali.

Come lavorare nei musei: hai già scelto il master giusto per te?

Quelli che abbiamo visto fino a questo momento sono i master più attinenti ai ruoli di cui ti abbiamo parlato. Quelli più legati a come lavorare nei musei in maniera diretta.

Ciò non toglie che di corsi che potrebbero avere a che fare con posizioni collaterali o mestieri simili, come lavorare in biblioteca, ce ne sono ancora tanti altri.

Per questo ti consigliamo di dare un’occhiata alla lista completa dell’offerta dei master di Unicusano a Bari e nel resto d’Italia.

Idem se sei alla ricerca della Facoltà o del Corso di Laurea che più si addice alle tue aspirazioni. Sia a livello culturale che per quanto riguarda l’aspetto strettamente professionale.

E ricorda, soprattutto se già lavori, che grazie alla piattaforma e-learning, i nostri corsi hanno una flessibilità unica. Inoltre, grazie alla caratura degli insegnanti e dei professionisti che tengono le lezioni, l’offerta formativa è senza dubbio di altissima qualità.

Da parte nostra, quindi, ci auguriamo di esserti stati di aiuto. Speriamo che grazie a questo articolo tu abbia più chiaro come lavorare nei musei.

In questa nostra guida, infatti, ti abbiamo indicato quali sono le professionalità più ricercate nell’ambito del lavoro nell’arte e nella cultura museale. E poi come funzionano le selezioni attraverso Mibact, beni culturali, concorsi.

Per concludere con la cosa probabilmente più importante: come acquisire le competenze e le qualifiche più spendibili per lavorare in un museo. Ovvero a quali corsi e master iscriverti, con tanto di link alle schede dettagliate di ognuno di essi.

Adesso tocca non devi fare altro che valutare e scegliere quello che reputi migliore per te. Ovviamente anche in base all’ambito specifico in cui vorresti trovare occupazione.

Mentre a noi, a questo punto, non rimane che augurarti buon lavoro. Dove? Ovviamente in una professione che ti piace. Come lavorare nei musei, giusto appunto.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali