informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come studiare velocemente e bene: 4 tecniche da provare

Commenti disabilitati su Come studiare velocemente e bene: 4 tecniche da provare Studiare a Bari

L’apprendimento fa parte della vita quotidiana, a prescindere dal numero di esami da sostenere. Dovremmo sempre sforzarci di imparare, ma ci vuole tempo e il tempo è prezioso.

Quindi, come puoi sfruttare al massimo il tuo tempo accelerando il processo di apprendimento? Grazie alle neuroscienze, ora abbiamo una migliore comprensione di come apprendiamo e dei modi più efficaci in cui il nostro cervello elabora e mantiene le informazioni.

Se desideri studiare velocemente e bene ecco le 4 tecniche comprovate per iniziare ad espandere le tue conoscenze.

Impara le stesse informazioni in vari modi

Concentrati sull’apprendimento in più di un modo. La ricerca (Willis, J. 2008) mostra che media diversi stimolano diverse parti del cervello per memorizzare informazioni su quell’argomento. Più aree del cervello vengono attivate, più è probabile che capirai e conserverai quanto appreso. Ciò rende tali informazioni più interconnesse e integrate nel cervello, aiutandoti a imparare veramente le informazioni e non solo a memorizzarle.

Puoi farlo usando diversi media per stimolare diverse parti del cervello, come leggere note, leggere il libro di testo, guardare un video e ascoltare un podcast o un file audio sull’argomento. Più risorse usi, più velocemente imparerai. Naturalmente, non sarai in grado di fare tutte queste cose in una sola sessione di studio. Ma, ogni volta che rivedi l’argomento, puoi utilizzare tutte queste modalità a tuo vantaggio per studiare più velocemente.

Migliora le tue capacità di prendere appunti

Anche se potrebbe sembrare che scrivere gli appunti su un laptop durante una conferenza o una lezione possa velocizzare lo studio, in realtà non è così. Per accelerare il tuo apprendimento, evita il laptop e prendi appunti alla vecchia maniera, con carta e penna. Diversi studi hanno dimostrato che coloro che scrivono a tastiera gli appunti delle lezioni, elaborano e conservano le informazioni a un livello inferiore. Coloro che prendono appunti a mano, in realtà consolidano più facilmente l’apprendimento.

Mentre prendere appunti a mano è più lento e più complicato rispetto alla digitazione, l’atto di scrivere le informazioni favorisce la comprensione e la memorizzazione. Inoltre, la modifica delle informazioni con le tue parole ti aiuterà a conservare le informazioni più a lungo.

Migliori sono le tue note, più velocemente imparerai. Saper prendere appunti accurati ti aiuterà a ricordare i concetti, acquisire una comprensione più profonda dell’argomento e sviluppare capacità di apprendimento significative. Quindi, prima di imparare un nuovo argomento, assicurati di apprendere diverse strategie per prendere appunti, come il Metodo Cornell, che ti aiuta a organizzare gli appunti presi durante la lezione in riassunti facilmente schematizzabili.

Qualunque sia il metodo utilizzato, alcuni suggerimenti di base per prendere appunti includono:

  • Ascoltare e prendere appunti con le proprie parole.
  • Lasciare spazi e linee tra le idee principali in modo da poterle rivisitare in un secondo momento e aggiungere informazioni.
  • Sviluppare un sistema coerente di abbreviazioni e simboli per risparmiare tempo.
  • Imparare ad estrarre informazioni importanti e a ignorare informazioni banali.

Prova un metodo mnemonico

Uno dei modi migliori per memorizzare rapidamente una grande quantità di informazioni è utilizzare una tecnica mnemonica: un modello di lettere, suoni o altre associazioni che aiutano ad imparare qualcosa. Uno dei metodi mnemonici più popolari è quello che abbiamo imparato all’asilo: la canzone dell’alfabeto. Questa canzone aiuta i bambini a ricordare le loro “ABC”, e rimane profondamente radicata nella nostra memoria da adulti.

Le tecniche mnemoniche ti aiutano a semplificare, riepilogare e archiviare le informazioni per facilitarne l’apprendimento. Possono essere davvero utili per gli studenti delle facoltà di medicina o della facoltà di giurisprudenza a Bari, o per le persone che studiano una nuova lingua. Quindi, se hai bisogno di memorizzare e archiviare grandi quantità di nuove informazioni, prova un metodo mnemonico e ti accorgerai di ricordare le informazioni con meno difficoltà di quanto non ti aspettassi.

Un altro ottimo modo per studiare più velocemente è quello di utilizzare l’apprendimento relazionale, che comporta il collegamento di nuove informazioni con argomenti già appresi. Ad esempio, se stai imparando qualcosa su Romeo e Giulietta, potresti associare ciò che apprendi sull’opera teatrale a una conoscenza precedente di Shakespeare, il periodo storico in cui l’autore ha vissuto e altre informazioni pertinenti. Trovando modi per adattare le nuove informazioni alle conoscenze preesistenti, troverai molti collegamenti nel nuovo materiale. Questo ti aiuterà a capirlo fondamentalmente meglio e sarai in grado di richiamarlo in modo più accurato.

Ricorri a pause e piccole sessioni di studio

Per molti anni si è pensato che il multitasking potesse dare un vantaggio significativo rispetto allo svolgere una singola attività alla volta. Tuttavia, la ricerca ora suggerisce che il multitasking può effettivamente rendere l’apprendimento meno efficace: passando rapidamente da un’attività all’altra, imparerai più lentamente, diventerai meno efficiente e commetterai più errori. Come evitare i pericoli del multitasking? Inizia concentrando la tua attenzione sul compito da svolgere e continua a lavorare per un periodo di tempo prestabilito.

L’uso di sessioni di studio brevi e distanziate incoraggerà l’apprendimento significativo, al contrario di lunghe sessioni che promuovono solo l’apprendimento meccanico. Il sovraccarico di informazioni è un rischio reale. Per imparare qualcosa di nuovo, il nostro cervello deve inviare segnali ai nostri recettori sensoriali per salvare le nuove informazioni, ma lo stress e il sovraccarico impediranno al cervello di elaborare e archiviare le informazioni in modo efficace.

Quando siamo confusi, ansiosi o ci sentiamo sopraffatti, il nostro cervello smette di memorizzare. Puoi vederlo accadere quando gli studenti ascoltano lezioni lunghe e dettagliate e smettono di prestare attenzione a ciò che viene detto. Distanziare le sessioni è molto efficace, perché è più facile memorizzare con piccole sessioni di studio e restare motivato per imparare. Anche una pausa di cinque minuti può alleviare l’affaticamento del cervello e aiutarti a rifocalizzare.

Tutte queste tecniche e suggerimenti sono orientati ad aiutarti a studiare meglio, più velocemente. Ma per essere un vero maestro dell’apprendimento devi giocare sul lungo termine. Inizia col trasformare ogni suggerimento in un abitudine di studio coerente: concentrati solo su un nuovo metodo a settimana per consolidarlo, perché non è necessario implementare tutto in un colpo solo.

L’aspetto principale dello studio non è studiare per un periodo di tempo più lungo, ma studiare in modo più intelligente.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali