informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Contratto di apprendistato professionalizzante: quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Contratto di apprendistato professionalizzante: quello che devi sapere Studiare a Bari

Vorresti imparare un nuovo mestiere e ti è stato proposto un contratto di apprendistato professionalizzante?

In questo articolo scopriremo meglio di cosa si tratta. Perché che tu voglia fare l’apprendista parrucchiera, pasticcere o elettricista, piuttosto che imparare come scrivere un progetto, o più semplicemente acquisire maggiore consapevolezza e come essere sicuri di se, un contratto professionalizzante può essere la soluzione ideale per lanciarti nel mercato del lavoro.

Nei prossimi paragrafi, andremo dunque ad analizzare come viene disciplinata questa materia in Italia, scoprendo nel dettaglio i pro e i contro, se presenti, di questo tipo di rapporto di lavoro.

Curioso? Bene, allora iniziamo subito. Buona lettura e, speriamo presto, buon lavoro.

Apprendistato in Italia: cos’è e come funziona

L’apprendistato viene disciplinato in maniera diversa nei vari Stati del mondo. A tal proposito, l’ordinamento del nostro Paese prevede un contratto di apprendistato professionalizzante, finalizzato alla formazione e all’inserimento nel mondo del lavoro. Il lavoratore che svolge un periodo di prova apprendistato è detto, appunto, apprendista. Ma andiamo a scoprire meglio di cosa si tratta nel dettaglio.

Cos’è l’apprendistato

Prima di andare a vedere le caratteristiche principali di un contratto di apprendistato professionalizzante, è doveroso fare un piccolissimo passo indietro per partire dalle basi. Prima di tutto occorre intendersi su cos’è l’apprendistato.

Ecco la definizione che ne dà il vocabolario Treccani:

«Rapporto di lavoro subordinato di carattere speciale, in base al quale un imprenditore assume nella propria azienda un giovane lavoratore (fino ai 29 anni), allo scopo di fornirgli l’addestramento tecnico necessario ad acquisire una specializzazione, richiedendo come contropartita una prestazione d’opera, che è generalmente anche retribuita».

Qualora non fosse ancora chiaro, aggiungiamo un’altra fonte: Wikipedia. L’enciclopedia collaborativa online ci fornisce la seguente definizione:

«Per apprendistato si intende genericamente un periodo di formazione professionale iniziale, durante il quale si apprende un mestiere osservando ed ascoltando persone già esperte, seguendo specifici percorsi di formazione. Può essere anche la condizione per l’assunzione e la stipula di un contratto di lavoro con un datore di lavoro; tale periodo può anche essere obbligatorio, ove previsto dalla legge».

Il periodo di apprendistato è dunque rappresentata dalla durata di tale rapporto. Chiaro no? Bene, allora possiamo andare avanti.

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere

Il contratto di apprendistato, nel diritto del lavoro italiano, indica una tipologia di contratto e rapporto di lavoro finalizzato alla formazione professionale ed all’inserimento nel mondo del lavoro.

Secondo il testo unico dei contratti di apprendistato, pubblicato in Gazzetta Ufficiale con il decreto legislativo n.167 del 14 settembre 2011:

«L’apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. […] La disciplina del contratto di apprendistato è rimessa ad appositi accordi interconfederali ovvero ai contratti collettivi di lavoro stipulati a livello nazionale da associazioni dei datori e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale».

Attenzione: bisogna precisare, però, che il contratto di apprendistato è stato suddiviso in tre tipologie di apprendistato:

  1. Per la qualifica professionale;
  2. Di alta formazione e ricerca;
  3. Professionalizzante (detto anche contratto di mestiere).

Ognuno di essi è regolato dalle singole regioni di appartenenza e dai contratti collettivi. Quello a cui siamo maggiormente interessati è il terzo, istituito per la prima volta con il D.Lgs 276/2003, noto anche come Legge Biagi.

apprendistatoIn sintesi, secondo tali norme, per consentire il conseguimento di una qualificazione attraverso una formazione sul lavoro e l’acquisizione di competenze di base, trasversali e tecnico-professionali, possono essere assunti con contratto di apprendistato professionalizzante in tutti i settori, i soggetti di età compresa tra i diciotto anni e i 30 meno un giorno (quindi non compiuti). Per un rapporto di lavoro durevole fino ai 3 o ai 5 anni, in base al settore e alla qualifica esatta di inquadramento.

Questo tipo di contratto deve essere redatto in forma scritta e deve indicare il tipo di prestazione, il piano formativo e l’eventuale qualifica che potrà essere acquisita alla sua conclusione. È fatto infine divieto al datore di lavoro di recedere anticipatamente in assenza di una giusta causa.

Principi direttivi contratto di apprendistato

Come abbiamo già accennato, la regolamentazione del contratto di apprendistato professionalizzante spetta alle regioni (e alle provincie autonome di Trento e Bolzano) all’interno del proprio territorio di competenza.

Il tutto deve avvenire in coerenza con le seguenti linee guida:

  1. Previsione di un monte ore di formazione formale, interna o esterna alla azienda, di almeno centoventi ore per anno, per la acquisizione di competenze di base e tecnico-professionali;
  2. Rinvio ai contratti collettivi di lavoro stipulati a livello nazionale, territoriale o aziendale da associazioni dei datori e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative per la determinazione, anche all’interno degli enti bilaterali, delle modalità di erogazione e della articolazione della formazione, esterna e interna alle singole aziende, anche in relazione alla capacità formativa interna rispetto a quella offerta dai soggetti esterni;
  3. Riconoscimento sulla base dei risultati conseguiti all’interno del percorso di formazione, esterna e interna alla impresa, della qualifica professionale ai fini contrattuali;
  4. Registrazione della formazione effettuata nel libretto formativo apprendista;
  5. Presenza di un tutore aziendale con formazione e competenze adeguate.

Età apprendistato e lavori per minorenni

Come abbiamo visto, il contratto di apprendistato professionalizzante è stipulabile per lavoratori maggiorenni. Nel caso non avessi ancora compiuto la maggiore età, potrebbe essere dunque più adatto alla tua situazione il cosiddetto contratto di apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale.

Quest’ultimo, infatti, si rivolge ai giovani tra i 15 e i 25 anni d’età. Quindi anche, se non in particolare visti i dati, ai minorenni. L’obiettivo è praticamente il medesimo del contratto di apprendistato professionalizzante, sennonché la qualifica professionale potrà essere triennale oppure concludersi con un diploma professionale. Per quanto riguarda la durata apprendistato, il contratto di norma può estendersi fino a 3 anni.

Retribuzione apprendistato

Ci sono ancora alcuni punti di cui non abbiamo parlato in merito al contratto di apprendistato professionalizzante: stipendio, contributi e retribuzione netta su tutti.

In questo senso, bisogna sempre tenere a mente che un rapporto di lavoro di questo tipo si basa su una sorta di scambio fra datore di lavoro e lavoratore dipendente, nel quale al centro non c’è principalmente il guadagno economico. Ne deriva che l’apprendista accetta condizioni contrattuali meno vantaggiose in termini di retribuzione, durata del contratto o ammortizzatori sociali, in cambio di una formazione specializzata tale da garantirgli una cospicua crescita professionale futura. Il principio è dunque: lavorare in cambio di formazione, per imparare un mestiere, più che ricevere subito in cambio dei soldi.

Ad ogni modo, lo stipendio di un apprendista, se così si può definire è da ricercarsi nella retribuzione tabellare della corrispondente categoria (o livello) che verrà raggiunta al termine del periodo di apprendistato. Fermo restando che l’apprendista non può essere retribuito a cottimo.

Per quanto riguarda, invece, la retribuzione apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, essa prevede due diversamente diverse fasce di “stipendio apprendista“:

  • 2 mila euro all’anno nel caso di minorenni;
  • 3 mila per i maggiorenni.

A proposito di contratto di apprendistato e contributi, inoltre, va sottolineato che le aziende hanno vantaggi contributivi e previdenziali, oltre ad incentivi economici, per tutta la durata del contratto di formazione e per il successivo anno di stabilizzazione.

E con queste informazioni, si conclude la nostra guida. Non ci rimane che augurarti buona formazione buon lavoro.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali