informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa fare a Pasqua a Bari? Le attività da non perdere

Commenti disabilitati su Cosa fare a Pasqua a Bari? Le attività da non perdere Studiare a Bari

Se ti stai chiedendo cosa fare a Pasqua a Bari, sappi che la Puglia è una regione ricca di tradizioni, tra cui quelle pasquali, ed anche quest’anno non mancano le idee su cosa fare per trascorrere al meglio questa festività. Processioni, mostre, tour per la città, eventi, il tutto accompagnato dalla possibilità di assaggiare le prelibatezze locali. 

Per cui, se sei indeciso su cosa fare durante le vacanze di Pasqua, non ti resta che prenderti qualche minuto e leggere quello che ti proponiamo in questo articolo. 

Come saprai, Pasqua è una festa cattolica ed è per questo che, nel capoluogo pugliese, potrai trovare diversi eventi religiosi che molto spesso si trasformano in eventi unici. Infatti, non solo a Bari, ma in tutta la Puglia, le celebrazioni della Settimana Santa sono particolarmente sentite.

LEGGI ANCHE – Luoghi da visitare in Puglia: itinerari low cost per studenti

Festeggiare pasqua a Bari: eventi e cucina

Che tu sia un barese doc, oppure abbia scelto il capoluogo pugliese come meta per una vacanza pasquale, nei prossimi paragrafi andremo a vedere insieme cosa fare a Bari per Pasqua. Cercheremo di offrirti una panoramica su cosa mangiare a tavola in famiglia e degli eventi caratteristici, così che, grazie anche alla compagnia, tu possa trascorrere la migliore festa o vacanza possibile. Del resto, come si dice: “Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi”.

Gli eventi religiosi

Ecco un piccolo elenco degli eventi religiosi che si svolgono durante la Settimana Santa nel barese. Non mancano comunque le visite guidate ai musei e ai monumenti della città, i tour per la città e gli eventi. Luoghi di interesse perfetti se sei un amante dell’arte.

festeggiare pasqua a bari

Se sei indeciso su cosa fare a pasqua a Bari, non tardare a leggere l’articolo.

LEGGI ANCHE – Lavoro nell’arte: ecco tutto quello che c’è da sapere.

Giovedì Santo

Uno degli eventi più suggestivi ed attesi della Settimana Santa è il Pellegrinaggio dei Crociferi per gli altari della reposizione.

Ad appena 16 km da Bari, sorge Noicattaro, antichissima località che, durante la Settimana Santa, di Giovedì, mette in scena il Pellegrinaggio di un gruppo di crociferi che si muove in processione accompagnato da fiaccole e trozzue e che porta con sé la Naka, ovvero il sarcofago funerario a forma di culla in cui viene deposto Cristo.

Il gruppo di crociferi raggiunge i sepolcri attraversando in ginocchio la navata della Chiesa Madonna della Lama, e, dopo aver deposto la croce, fustiga gli omeri con la catena di ferro che per strada, durante la processione, porta legata alla caviglia. 

Venerdì Santo

Giorno importante in cui ricorre la Passione di Cristo.

Per questo, non puoi assolutamente perdere la Processione dei Cinque Misteri a Molfetta:nella notte del Venerdì Santo, la Processione dei Cinque Misteri della Passione di Cristo Gesù parte nel cuore della notte affinché, chi vi partecipa, possa rivivere la Passione di Cristo.

Alle 03.30 del mattino, dal sagrato della chiesa di Santo Stefano, ha inizio la Processione dei cinque misteri: Cristo nell’orto degli Ulivi, la Flagellazione, l’Ecce Homo, il Cristo al Calvario ed il Cristo Morto. Le statue, raffiguranti i misteri, si muovono per le strade del centro fino alle ore 13.00 del giorno stesso, sulle note della marcia funebre. 

Altrettanto ricca di sentimento e tradizione èla Processione Solenne a Bitonto. In occasione del Venerdì Santo, a Bitonto, comune in provincia di Bari, avrà luogo la Solenne Processione. Il lungo corteo partirà dalla chiesa del Purgatorio per poi dipanarsi nei vicoli del centro storico, seguito dal Legno santo, al cui interno una croce in argento dell’800 racchiude due frammenti della croce di Cristo. I confratelli, in mozzetta e guanti neri, portano in processione anche una copia autentica della Sacra Sindone, realizzata a Torino nel 1646. 

Infine, ma non per minore importanza, ti segnaliamola Processione dei Misteri a Corato,lenta e suggestiva, che attraversa il comune di Corato, nella sera del Venerdì Santo. L’evento avrà inizio presso la chiesa di San Giuseppe e culminerà nella preghiera collettiva dei gruppi in piazza Di Vagno, adornata, per l’occasione, di ceri su balconi e terrazze. 

Domenica di Pasqua

Uno degli eventi più legati alla tradizione pasquale, è sicuramente quello che si svolge la Domenica di Pasqua a Ruvo di Puglia, una cittadina della provincia di Bari, che si presta bene a fare dal palcoscenico agli eventi che da anni vengono rappresentati.

Tutti i riti e le processioni della Settimana Santa sono organizzati dalle quattro confraternite cittadine: la Confraternita della Purificazione Addolorata, la Confraternita Opera Pia S. Rocco, l’Arciconfraternita di Maria SS. del Carmine e la Confraternita di Maria SS. del Suffragio.

La Settimana Pasquale si conclude la Domenica con la Processione di Cristo Risorto e lo scoppio delle “quarantane”, che vengono collocate nei diversi punti dell’itinerario il Mercoledì delle Ceneri e rivestite di petardi. Le Quarantane sono bambole interamente vestite di nero, con il capo coperto, un ombrello, un’arancia e un fuso, che prendono il nome dai quaranta giorni che compongono la Quaresima.

La Processione del Cristo Risorto, evento religioso particolarmente sentito a Ruvo, parte dalla Chiesa di San Domenico: alle finestre che si affacciano sull’itinerario della Processione, al posto delle lenzuola bianche esposte al passaggio dei simulacri nel corso della Settimana Santa, vengono esposte delle coperte variopinte, dai colori vivaci, in segno di festa.

Cosa mangiare a Pasqua

Oltre che per i numerosi eventi a cui potrai prendere parte nel periodo pasquale, la Puglia e Bari, nello specifico, sono famose per le molteplici prelibatezze culinarie e per le ricette che ripercorrono la simbologia degli eventi religiosi, come ad esempio le uova, simbolo di fecondità, rinascita e Resurrezione.

cosa fare a bari per pasqua

Le portate principali

Tra i piatti tipici del menù pasquale, non possiamo non citare “il Benedetto”, un antipasto composto da uova sode benedette durante la funzione pasquale, salame, ricotta fresca, su fette d’arancia, carciofi fritti e asparagi.

Inoltre, potresti mangiare i prelibati panzerotti pasquali, fritti e ripieni di ricotta. Seguono le orecchiette col ragù alla barese, preparato con brasciole di carne di cavallo o con un grande brasciolone, sempre di carne equina, farcito con uova sode. In alternativa, alcune famiglie optano per le lasagne o per il tegame di zitoni al forno con polpettine, uova sode e salame.

Per secondo potrai scegliere le brasciole cotte nel ragù o l’agnello preparato in diversi modi: alla brace, al forno con le patate oppure in umido, con piselli e, a volontà, con le uova sbattute. Accompagnano il secondo le verdure tipiche di stagione. 

I dolci

Senza dubbio sono i dolci i protagonisti indiscussi del pranzo pasquale. Vediamo i più famosi.

  • Scarcelle: dolce semplice e genuino, dalle molteplici forme, adornato con animaletti ricoperti di glassa colorata e guarnite con uova sode;
  • Propati della Zita: taralli dolci;
  • Pastatelle: preparate solo con olio locale e marmellate fatte in casa;
  • Mostaccioli: biscotti a base di mandorle coperti da una gustosa glassa al cioccolato;
  • Agnello di pasta di mandorle.

Sebbene non siano tipici della tradizione barese, nel giorno di Pasqua, sulle tavole imbandite, non possono mancare la colomba, la pastiera, la cassata, i cannoli e le uova di cioccolato. Ovviamente non possono mancare i liquori locali, fatti rigorosamente in casa e quindi da preparare per tempo.

Una piccola curiosità: l’agnello di pasta di mandorle e le scarcelle sono i doni tipici che i fidanzati si scambiano per Pasqua. 

Questi sono i nostri consigli su cosa fare a Pasqua a Bari, speriamo di averti dato le informazioni che cercavi. Non ci rimane che porgerti i nostri più calorosi auguri.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali