informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è e cosa disciplina il diritto bancario

Commenti disabilitati su Cos’è e cosa disciplina il diritto bancario Studiare a Bari

Non sorprenderà che il mondo bancario sia un settore altamente regolamentato. Quando si tratta di gestire denaro per conto di milioni di persone, le banche sono (ovviamente) obbligate dalla legge a seguire rigide regole e linee guida per proteggere i beni dei clienti.

Naturalmente, queste leggi differiscono da Paese a Paese. Stati come Regno Unito, Germania, Italia, Spagna e Francia hanno tutti sistemi abbastanza simili, ma non sono identici. Sta all’avvocato di diritto bancario destreggiarsi tra leggi e normative per tutelare l’interesse della banca o del suo cliente. Ma vediamo cos’è e come funziona il diritto bancario.

Cos’è il diritto bancario?

Il diritto bancario è l’insieme delle leggi che regolano il modo in cui le banche e gli altri istituti finanziari svolgono attività commerciali. Le banche devono rispettare una miriade a livello europeo, statale e persino locale. I legislatori creano regolamenti bancari al fine di garantire che le banche agiscano in modo equo e trasparente. Le normative bancarie sono in genere soggette ad aggiornamenti frequenti. Gli avvocati che si esercitano in quest’area della legge gestiscono diverse problematiche, dalle controversie con i clienti e i reclami contro una banca, alle controversie complesse tra istituzioni nazionali e straniere, i loro investitori, il governo e altre parti. Tuttavia, la maggior parte degli avvocati di diritto bancario viene assunta per fornire consulenza in merito alla conformità normativa. Le banche possono scegliere di mantenere un consulente interno a tale scopo o di chiedere assistenza presso uno studio legale indipendente.

Cosa regola il diritto bancario?

Gli obiettivi della regolamentazione bancaria variano a seconda delle giurisdizioni. Quelli più comuni sono:
  • Ridurre il livello di rischio a cui sono esposti i creditori bancari (vale a dire proteggere i depositanti) e contenere condizioni commerciali sfavorevoli per le banche in grado di causare gravi fallimenti bancari. 
  • Mettere freno al terrorismo e al riciclaggio di denaro. 
  • Proteggere la riservatezza bancaria.
  • Allocare il credito.
  • Consentire ai consumatori di effettuare operazioni bancarie con riservatezza e la massima trasparenza.
  • Fornire servizi bancari equi e pari opportunità per il settore bancario.

Il diritto bancario in Europa

A livello europeo, l’EBA vigila sul rispetto del diritto bancario per aumentare la trasparenza del sistema finanziario europeo e identificare i punti deboli nelle strutture di capitale delle banche. L’Autorità Bancaria Europea, che ha sede a Parigi, stabilisce gli standard tecnici vincolanti e le linee guida che tutti gli istituti finanziari dell’Unione devono rispettare. Queste norme, racchiuse nel Testo Unico Bancario favoriscono la creazione di condizioni di parità, offrendo al contempo un’elevata protezione a depositanti, investitori e consumatori. Anche l’azione della Banca d’Italia è regolamentata da questo testo. Un altro compito dell’EBA è quello di valutare i rischi e le vulnerabilità nel settore bancario europeo al fine di prevenire situazioni di crisi. Ha anche il potere di scavalcare i regolatori nazionali se non riescono a regolare correttamente le loro banche. Anche la BCE, la Banca Centrale Europea che gestisce la politica monetaria all’interno dell’Eurozona, può emanare norme giuridicamente vincolanti, sanzionando gli stati che non si adeguano a questi requisiti.

Di cosa si occupa un avvocato bancario?

Il diritto bancario è costituito da molteplici aree tecnicamente complesse e in costante evoluzione. Di conseguenza, gli avvocati in questo campo spesso si specializzano in una particolare area. Un avvocato bancario rappresenterà il mutuatario o il prestatore, e la sua azione si concentrerà sugli elementi transazionali di organizzazione delle transazioni. Indipendentemente dall’area specifica del settore bancario, gli avvocati in questo campo supportano le negoziazioni, la strutturazione e la gestione degli accordi finanziari e la conduzione con la dovuta diligenza. Un avvocato bancario dovrà bilanciare la conformità aderendo a tutte le leggi e i regolamenti applicabili (che spesso si trovano in più giurisdizioni) e mediare le parti aiutandole a raggiungere termini reciprocamente soddisfacenti. Quali sono le doti richieste ad un avvocato che si occupa di diritto bancario?
  • Buona conoscenza dei diversi tipi di prestito e del modo in cui le banche li strutturano;
  • La capacità di comprendere le ambizioni e gli obiettivi del cliente al fine di consigliarlo se i rischi e i benefici di un accordo sono utili e, in definitiva, indirizzarli verso i loro interessi;
  • Buone capacità personali per costruire e mantenere relazioni con i clienti, oltre a essere in grado di condensare informazioni complesse in consigli pratici che un cliente può comprendere e agire.

Chiunque voglia intraprendere questa strada, può frequentare la facoltà di giurisprudenza a Bari, che permette di specializzarsi nel settore del diritto bancario con interessanti sbocchi professionali.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali