informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come si è evoluta la libertà di informazione nell’era di internet?

Commenti disabilitati su Come si è evoluta la libertà di informazione nell’era di internet? Studiare a Bari

La libertà di informazione o il diritto all’informazione possono essere definiti come il diritto di accedere alle informazioni detenute da enti pubblici. È parte integrante del diritto fondamentale alla libertà di espressione, come riconosciuto dalla risoluzione 59 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite adottata nel 1946, nonché dall’articolo 19 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (1948).

In Italia, il diritto alla libertà di espressione è stabilito dall’articolo 11, che prevede quanto segue:

1. Ogni persona ha diritto alla libertà di espressione. Tale diritto include la libertà di opinione e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza che vi possa essere ingerenza da parte delle autorità pubbliche e senza limiti di frontiera.

2. La libertà dei media e il loro pluralismo sono rispettati.

Negli ultimi 10 anni, il diritto all’informazione è stato riconosciuto da un numero crescente di paesi, compresi quelli in via di sviluppo, attraverso l’adozione di un’ondata di leggi FOI.

Internet ha rivoluzionato il diritto alla libertà di espressione. Da un lato, autorizza la libertà di espressione fornendo agli utenti nuovi mezzi di espressione. D’altra parte, il libero flusso di informazioni ha sollevato la richiesta
regolamentazione dei contenuti, non ultimo per limitare l’accesso dei minori a contenuti potenzialmente dannosi e arginare la diffusione di fake news.

INTERNET COME PRINCIPALE FONTE DI INFORMAZIONE

Ciò che era semplicemente una previsione alcuni anni fa è quasi diventato una realtà. Il pubblico richiede informazioni personalizzate, disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7, ovunque. Internet ha completamente cambiato la realtà dei media e si è posizionata come un metamedia, in cui gruppi di media e altre piattaforme con la loro rispettiva selezione di contenuti, pubblicano e interagiscono con il pubblico.

Con questa nuova fonte di informazione virtuale e dinamica, i supporti di stampa hanno subito un drastico calo del numero di lettori e in termini di investimenti da parte degli inserzionisti. Nel frattempo, i media digitali si sono evoluti rapidamente e prolifera l’accesso alle informazioni attraverso vari dispositivi, in particolare i dispositivi mobili. Questa varietà di dispositivi che abbiamo continuamente a nostra disposizione sta creando un nuovo fenomeno chiamato media meshing, che prevede la fruizione di media diversi contemporaneamente. Ad esempio, rafforzando l’esperienza di un programma televisivo tramite un’app mobile.

L’ascesa dei media digitali e dei social media ha portato il consumatore a richiedere contenuti personalizzati e informazioni localizzate. Le informazioni personalizzate hanno portato, da un lato, a una proliferazione dei media focalizzata su ciascun obiettivo e, dall’altro, alla segregazione degli utenti in piccoli gruppi. Il consumo dei media è stato frammentato in modo che gli utenti possano preselezionare ciò che vogliono leggere, ascoltare o vedere.

IL POTERE DELL’INFORMAZIONE DIGITALE

Disinformazione e propaganda diffuse online hanno avvelenato la sfera pubblica. La raccolta sfrenata di dati personali ha ristabilito l’importanza della privacy. Una minoranza di paesi si sta muovendo verso l’autoritarismo digitale abbracciando il modello cinese basato sulla censura e i sistemi di sorveglianza automatizzata. Come risultato di queste tendenze, la libertà di informazione su Internet è diminuita per l’ottavo anno consecutivo nel 2019.

Gli eventi degli ultimi anni hanno confermato che Internet può essere usato per sconvolgere le democrazie tanto quanto per destabilizzare le dittature. Nell’aprile 2018, il fondatore e amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg ha testimoniato in due sedute congressuali sul ruolo della sua società nello scandalo Cambridge Analytica, in cui è stato rivelato che Facebook aveva sfruttato i dati di 87 milioni di utenti a scopi politici.

Il caso è diventato un precedente di come le informazioni personali siano sempre più utilizzate per influenzare i risultati elettorali. Gli hacker russi hanno preso di mira le liste elettorali statunitensi in diversi stati, come parte degli sforzi più ampi del Cremlino per minare l’integrità delle elezioni del 2016 e da allora, i tecnici in materia di sicurezza hanno scoperto ulteriori violazioni dei dati che colpiscono 198 milioni di americani, 93 milioni di messicani, 55 milioni di filippini, e 50 milioni di elettori turchi.

Con o senza intenzioni maligne, Internet e i social media in particolare possono influenzare i cittadini, politicamente e socialmente, alimentando l’ostilità tra le diverse comunità. Negli ultimi 12 mesi in Bangladesh, India, Sri Lanka e Myanmar, voci false e propaganda odiosa, diffuse online, hanno portato allo scoppio di esplosioni violente contro le minoranze etniche e religiose. Tali fratture spesso servono gli interessi delle forze antidemocratiche nella società, nel governo o in stati stranieri ostili, che le incoraggiano attivamente attraverso la manipolazione dei contenuti.

Mentre le società democratiche lottano con le sfide di una sfera online più pericolosa e contestata, i leader di Pechino hanno intensificato gli sforzi per utilizzare i media digitali per aumentare il proprio potere, sia in patria che all’estero. La Cina è stata ancora una volta il peggior violatore della libertà di Internet nel 2018 e, nell’ultimo anno, il suo governo ha ospitato funzionari dei media di decine di paesi per seminari di due e tre settimane sul suo tentacolare sistema di censura e sorveglianza. Inoltre, le sue società hanno fornito hardware di telecomunicazione, tecnologia avanzata di riconoscimento facciale e strumenti di analisi dei dati a una varietà di governi con scarsi dati sui diritti umani, che potrebbero essere di beneficio ai servizi di intelligence cinesi e alle autorità repressive locali. L’autoritarismo digitale viene promosso come un modo per i governi di controllare i propri cittadini attraverso la tecnologia,

LE RESTRIZIONI DEGLI AUTORITARISMI

In una sola generazione Internet ha cambiato il modo in cui produciamo e sperimentiamo quasi tutti i media.

I governi di paesi autoritari, come l’Egitto e l’Iran, hanno imposto leggi sui media restrittive da applicare agli utenti dei social media, bloccando alcune piattaforme e limitando i servizi di comunicazione stranieri. La Cina, la Russia e altri stati repressivi chiedono anche alle aziende di archiviare i dati dei loro cittadini all’interno dei loro confini, in modo che le agenzie di sicurezza possano accedere alle informazioni.

Garantire la libertà di Internet contro l’ascesa dell’autoritarismo digitale è fondamentale per proteggere la democrazia nel suo insieme. La tecnologia dovrebbe consentire ai cittadini di fare le proprie scelte sociali, economiche e politiche senza coercizione o manipolazione nascosta. Internet è diventato la sfera pubblica moderna e i social media e i motori di ricerca hanno sia un potere sconfinato che una pesante responsabilità nel garantire che le loro piattaforme possano essere messe al servizio del bene pubblico.

Se gli organismi antidemocratici continuano a sfruttare il potere di internet, ai cittadini verrà negato uno spazio per articolare i valori condivisi, discutere le questioni politiche e risolvere pacificamente le controversie sociali.

Se la democrazia deve sopravvivere nell’era digitale, le aziende tecnologiche, i governi e la società civile devono lavorare insieme per trovare soluzioni reali ai problemi della manipolazione dei social media e della raccolta di dati personali. Quando si tratta di proteggere i dati, gli utenti devono avere il potere di scongiurare indebite intrusioni nella loro vita personale da parte sia del governo che delle società. La libertà globale di Internet può e dovrebbe essere l’antidoto all’autoritarismo digitale. La salute delle democrazie del mondo dipende dalla libertà di informazione.

Chi desidera intraprendere un percorso professionale nel mondo della comunicazione, può iscriversi al Masteri di I livello in “Professione Reporter“, istituito da Unicusano per i laureati che desiderano approfondire i media in tutte le loro forme.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali