informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Macroeconomia: definizione e principi di base

Commenti disabilitati su Macroeconomia: definizione e principi di base Studiare a Bari

Le teorie economiche possono offrire spunti illuminanti sul funzionamento dei sistemi economici e sulle conseguenze a lungo termine di determinate politiche e decisioni.

In particolar modo, la macroeconomia tenta di misurare il rendimento di un’economia, capire quali forze la guidano e come migliorarne l’andamento. La teoria macroeconomica può anche aiutare le singole imprese e gli investitori a prendere decisioni migliori attraverso una comprensione più approfondita delle dinamiche economiche.

Alcune delle domande chiave poste dalla macroeconomia includono: Cosa causa la disoccupazione? Cosa causa l’inflazione? Cosa crea o stimola la crescita economica?

Cos’è la macroeconomia

La macroeconomia è una branca dell’economia che studia come si comporta un’economia globale – ovvero i sistemi di mercato che operano su larga scala. La macroeconomia prende in considerazione fenomeni economici come l’inflazione, i livelli dei prezzi, il tasso di crescita economica, il reddito nazionale, il prodotto interno lordo (PIL) e le variazioni della disoccupazione.

I macroeconomisti sviluppano modelli che spiegano le relazioni tra questi fattori. Tali modelli macroeconomici, e le relative previsioni prodotte, sono utilizzati da entità governative per aiutare nella costruzione e valutazione della politica economica, monetaria e fiscale; dalle imprese per stabilire la strategia nei mercati nazionali e globali; fino agli investitori per prevedere e pianificare i movimenti in varie classi di attività.

Aree di ricerca macroeconomica

La macroeconomia è un campo piuttosto ampio, ma due aree specifiche di ricerca sono rappresentative di questa disciplina. La prima area riguarda i fattori che determinano la crescita economica a lungo termine o gli aumenti del reddito nazionale. L’altra riguarda le cause e le conseguenze delle fluttuazioni a breve termine del reddito e dell’occupazione nazionali, noto anche come ciclo economico.

La crescita economica si riferisce ad un aumento della produzione aggregata in un’economia. I macroeconomisti cercano di comprendere i fattori che promuovono o ritardano la crescita economica al fine di sostenere le politiche economiche in grado di promuovere lo sviluppo, il progresso e l’innalzamento del tenore di vita.

Sovrapposti alle tendenze di crescita macroeconomica a lungo termine, i livelli e i tassi di variazione delle principali variabili macroeconomiche come l’occupazione e la produzione nazionale subiscono fluttuazioni, espansioni e recessioni, in un fenomeno noto come il ciclo economico. La crisi finanziaria del 2008 è un chiaro esempio recente e la Grande Depressione degli anni ’30 fu in realtà lo slancio per lo sviluppo della più moderna teoria macroeconomica.

Scuole di pensiero macroeconomico

Il campo della macroeconomia è organizzato in molte diverse scuole di pensiero, con opinioni diverse su come operano i mercati e i loro partecipanti.

  • Classica. Gli economisti classici ritengono che prezzi, salari e tariffe siano flessibili e che i mercati siano sempre chiari, basandosi sulle teorie originali di Adam Smith.
  • Keynesiana. I keynesiani, che riconducono la loro dottrina all’opera di Maynard Keynes, si concentrano sulla domanda aggregata come fattore principale in questioni come la disoccupazione e il ciclo economico. Gli economisti keynesiani ritengono che il ciclo economico possa essere gestito mediante un intervento attivo del governo attraverso la politica fiscale (spendendo di più in recessioni per stimolare la domanda) e la politica monetaria (stimolando la domanda con tassi più bassi). Gli economisti keynesiani ritengono inoltre che vi siano alcune rigidità nel sistema, che impediscono la corretta compensazione dell’offerta e della domanda.
  • Monetarista. La scuola monetaria è in gran parte attribuita alle opere di Milton Friedman. Gli economisti monetaristi ritengono che il ruolo del governo sia tenere a bada l’inflazione controllando l’offerta di moneta. I monetaristi credono che i mercati siano generalmente chiari e che i partecipanti abbiano aspettative razionali. I monetaristi respingono l’idea keynesiana secondo cui i governi possono “gestire” la domanda e che i tentativi di farlo sono destabilizzanti e probabilmente portano all’inflazione.
  • Nuova keynesiana. La nuova scuola keynesiana tenta di aggiungere basi microeconomiche alle tradizionali teorie economiche keynesiane. Mentre i nuovi keynesiani ritengono che le famiglie e le imprese operino sulla base di aspettative razionali, continuano a sostenere l’esistenza di una varietà di fallimenti del mercato, inclusi prezzi e salari non adeguati. A causa di questa “viscosità”, il governo può migliorare le condizioni macroeconomiche attraverso la politica fiscale e monetaria.
  • Neoclassica. L’economia neoclassica presuppone che le persone abbiano aspettative razionali e si sforzino di massimizzare la loro utilità. Questa scuola presume che le persone agiscano in modo indipendente sulla base di tutte le informazioni che possono ottenere. L’idea di marginalismo e massimizzazione dell’utilità marginale è attribuita alla scuola neoclassica, così come l’idea che gli agenti economici si muovano sulla base di aspettative razionali. Poiché gli economisti neoclassici ritengono che il mercato sia sempre in equilibrio, la macroeconomia si concentra sulla crescita dei fattori di offerta e sull’influenza dell’offerta della moneta sui livelli dei prezzi.
  • Nuova classica. La nuova scuola classica è costruita in gran parte sulla scuola neoclassica. La nuova scuola classica sottolinea l’importanza della microeconomia e dei modelli basati su tale comportamento. I nuovi economisti classici ritengono che tutti gli agenti cerchino di massimizzare la loro utilità e abbiano aspettative razionali. Ritengono inoltre che la disoccupazione sia in gran parte volontaria e che la politica fiscale discrezionale stia destabilizzante, mentre l’inflazione può essere controllata con la politica monetaria.
  • Austriaca. La scuola austriaca è una vecchia scuola di economia che sta riscuotendo un certo risveglio di popolarità. Gli economisti scolastici austriaci ritengono che il comportamento umano sia troppo idiosincratico da carpire con le analisi e che l’intervento del governo sia inevitabile. La scuola austriaca ha fornito utili teorie e spiegazioni sul ciclo economico, sulle implicazioni dell’intensità di capitale e sull’importanza dei tempi e dei costi di opportunità nella determinazione del consumo e del valore.

Distinguere la microeconomia dalla macroeconomia

Ci sono due lati nello studio dell’economia: la macroeconomia e la microeconomia. Come suggerisce il termine, la macroeconomia prende in considerazione lo scenario complessivo generale dell’economia. In parole povere, si concentra sul modo in cui l’economia si comporta nel suo insieme e quindi analizza come i diversi settori dell’economia si relazionano tra loro per capire come funziona nell’insieme. Ciò include l’esame di variabili quali disoccupazione, PIL e inflazione.

Al contrario, la microeconomia si focalizza sulle scelte economiche che muovono gli individui, generalmente classificati in sottogruppi, come acquirenti, venditori e imprenditori. Questi attori interagiscono tra loro secondo le leggi della domanda e dell’offerta di risorse, usando i tassi di denaro e di interesse come meccanismi di determinazione del prezzo.

I fattori studiati sia in microeconomia che in macroeconomia in genere si influenzano a vicenda. Ad esempio, il livello di disoccupazione nell’economia nel suo insieme ha un effetto sull’offerta di lavoratori che un’azienda può assumere.

Una distinzione chiave tra micro e macroeconomia è che gli aggregati macroeconomici possono talvolta comportarsi in modi molto diversi o addirittura al contrario di come facciano le variabili microeconomiche analoghe. Ad esempio, Keynes ha proposto il cosiddetto Paradox of Thrift, il quale sostiene che, mentre per un individuo il risparmio di denaro può essere la chiave per la creazione di ricchezza, se questa dinamica diventasse collettiva, si verificherebbe un rallentamento nell’economia.

Se stai appena iniziando a conoscere la teoria economica, comprendere la macroeconomia è il primo passo per avere una panoramica globale di come funziona effettivamente l’intera economia.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali