informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Paura dell’incertezza? Ecco come superarla in 6 step

Commenti disabilitati su Paura dell’incertezza? Ecco come superarla in 6 step Studiare a Bari

La vita è piena di incertezza. Ci poniamo domande sul futuro, sul lavoro e sugli affetti per sentirci al sicuro e cercare di avere un senso di controllo sulla nostra vita e sul nostro benessere.

Tuttavia, molte situazioni restano al di fuori della nostra portata: la tua mentalità è la chiave per affrontare circostanze difficili e non temere l’ignoto.

Il peso dell’incertezza nella vita

L’incertezza ci circonda, mai più di oggi. L’attuale pandemia di COVID-19 ha accentuato l’incertezza su economia, occupazione, finanze, relazioni e, naturalmente, salute fisica e mentale.

La paura e l’incertezza possono farti sentire stressato, ansioso e impotente riguardo la direzione da prendere nella tua vita. Possono prosciugarti emotivamente e intrappolarti in una spirale discendente di dubbi e insicurezze.

Siamo tutti diversi riguardo l’incertezza che possiamo tollerare nella vita. Alcune persone si trovano a loro agio a vivere una vita imprevedibile, mentre altri trovano la casualità della vita profondamente angosciante. Ma tutti noi abbiamo un limite. Se ti senti sopraffatto dall’incertezza e dalla preoccupazione, è importante sapere che non sei solo; molti di noi si trovano nella stessa situazione.

È anche importante rendersi conto che, indipendentemente da quanto ti senti impotente e senza speranza, ci sono dei passi che puoi fare per affrontare meglio le circostanze incontrollabili, alleviare l’ansia e affrontare l’ignoto con più fiducia.

Questi consigli possono tornarti utili anche per affrontare lo studio in maniera più sana e consapevole. Se ti sei iscritto all’università di Bari, puoi adottare queste tecniche per imparare a gestire ansia e paure.

Suggerimento 1: Impara a gestire l’incertezza

Sebbene sia difficile riconoscerlo, l’incertezza è una parte naturale e inevitabile della vita. Molto poco della nostra vita è costante o totalmente certo e, mentre abbiamo il controllo su molte cose, non possiamo controllare tutto ciò che ci accade. Come ha dimostrato l’epidemia di Coronavirus, la vita può cambiare molto rapidamente e in modo imprevedibile.

Per far fronte a tutte queste incertezze, molti di noi usano la preoccupazione come strumento per cercare di prevedere il futuro ed evitare brutte sorprese. La preoccupazione cronica non può darti un maggiore controllo sugli eventi incontrollabili; ti deruba solo di godimento nel presente, prosciugando la tua energia e tenendoti sveglio la notte. Ma ci sono modi più sani per affrontare l’incertezza, e questo inizia con l’adattamento della tua mentalità.

Suggerimento 2: affronta solo le cose che è possibile controllare

Qualunque siano le tue paure o circostanze personali, invece di preoccuparti dell’incontrollabile, cerca di focalizzare la tua mente su come agire sugli aspetti che sono sotto il tuo controllo.

Ad esempio, se hai perso il lavoro o le entrate durante questo momento difficile, hai ancora il controllo del tempo che puoi investire nella ricerca di lavoro online, nell’invio di curriculum o nel collegamento in rete con i tuoi contatti.

Concentrandoti sugli aspetti di un problema che puoi controllare in questo modo, passerai da inefficaci preoccupazioni e ruminazioni alla risoluzione attiva dei problemi. Naturalmente, tutte le circostanze sono diverse e potresti scoprire che in alcune situazioni tutto ciò che puoi controllare è il tuo atteggiamento e la tua risposta emotiva.

Suggerimento 3: gestisci attivamente le tue emozioni

Quando le circostanze sono fuori dal tuo controllo, è facile essere sopraffatti dalla paura e dalle emozioni negative. Potresti pensare che sforzarti ad essere positivo potrà dare vantaggi. Ma negare o reprimere le tue emozioni non farà che aumentare lo stress e l’ansia e ti renderà più vulnerabile alla depressione.

Quando non puoi fare nient’altro in una situazione, puoi ancora affrontare attivamente le tue emozioni, anche quelle più negative e paurose. Consentire a te stesso di sperimentare l’incertezza in questo modo può aiutarti a ridurre lo stress e a trovare un senso di pace mentre affronti le sfide.

Suggerimento 4: impara ad accettare l’incertezza

Non importa quanto ti sforzi di fugare i dubbi e la paure dalla tua vita, la verità è che accetti già molte incertezze ogni giorno. Ogni volta che attraversi una strada, ti metti al volante di un’auto o mangi cibo da asporto o da ristorante, stai accettando un livello di incertezza. Le possibilità che accada qualcosa di brutto in queste circostanze sono ridotte, quindi accetti il ​​rischio e vai avanti senza cadere nell’incertezza.

Per aiutarti a diventare più tollerante e ad accettare l’incertezza devi innanzitutto riconoscerne i fattori scatenanti. Molta incertezza tende ad auto-generarsi, ad esempio attraverso eccessive preoccupazioni o prospettive pessimistiche. Tuttavia, alcune incertezze possono essere generate da fonti esterne, specialmente in momenti come questo. Leggere storie mediatiche incentrate sugli scenari peggiori, passare del tempo sui social media tra voci e mezze verità o semplicemente comunicare con amici ansiosi può alimentare tutte le tue paure e incertezze. Riconoscendo le cause, puoi agire per evitare o ridurre l’incertezza.

Invece di impegnarti in inutili sforzi per ottenere il controllo dell’incontrollabile, affronta il disagio dell’incertezza. Come tutte le emozioni, se ti permetti di provare paura e incertezza, alla fine passeranno. Concentrati sul momento presente e sul tuo respiro e permetti a te stesso semplicemente di sentire e osservare l’incertezza che stai vivendo.

Accettare l’incertezza non significa che non dovresti avere un piano per alcune delle circostanze impreviste della vita. È sempre bene avere qualche risparmio in caso di spese impreviste o avere un piano se tu o una persona cara vi ammalate. Ma non puoi prepararti per ogni possibile scenario. La vita è semplicemente troppo casuale e imprevedibile.

Suggerimento 5: concentrati sul presente

L’incertezza è spesso incentrata sulle preoccupazioni per il futuro e su tutte le cose brutte che puoi prevedere. Può lasciarti senza speranza e depresso per i giorni a venire, portarti ad ingigantire i problemi e persino paralizzarti dal prendere provvedimenti.

Uno dei modi più sicuri per evitare di preoccuparsi del futuro è quello di concentrarsi sul presente. Invece di cercare di prevedere cosa potrebbe accadere, sposta la tua attenzione su ciò che sta accadendo in questo momento. Essendo completamente connesso al presente, puoi interrompere le ipotesi negative e le previsioni catastrofiche che attraversano la tua mente.

Puoi imparare a focalizzare di proposito la tua attenzione sul presente attraverso la consapevolezza. Con la pratica regolare, la consapevolezza può aiutarti a minimizzare le preoccupazioni future in un più forte apprezzamento del momento presente, oltre a aiutare a calmare la mente, alleviare lo stress e migliorare il tuo umore generale.

Puoi iniziare una pratica di consapevolezza seguendo una meditazione audio o incorporandola in un programma di esercizi quotidiani. Usare la consapevolezza per rimanere concentrati sul presente può richiedere perseveranza. Anche se inizialmente la tua mente potrà tornare alle tue paure e preoccupazioni future, continua a insistere. Ogni volta che focalizzi la tua attenzione sul presente, stai rafforzando una nuova abitudine mentale che può aiutarti a liberarti dall’incertezza.

Suggerimento 6: gestisci lo stress e l’ansia

Adottare misure per ridurre lo stress generale e i livelli di ansia può aiutarti a interrompere la spirale discendente dei pensieri negativi, trovare la calma interiore e affrontare meglio l’incertezza nella tua vita.

L’esercizio fisico è un trattamento naturale ed efficace per alleviare lo stress e l’ansia. Presta attenzione alla sensazione dei tuoi piedi che colpiscono il suolo mentre cammini, corri o balli, ad esempio, o il ritmo del tuo respiro, o la sensazione del sole o del vento sulla tua pelle. Scegli una tecnica di rilassamento come la meditazione, lo yoga o esercizi di respirazione profonda e cerca di dedicare del tempo ogni giorno alla pratica regolare.

Un’eccessiva preoccupazione e incertezza possono disturbare il sonno, proprio come la mancanza di un sonno di qualità può alimentare ansia e stress. Migliorare le abitudini diurne e prendersi il tempo per rilassarsi e distendersi prima di dormire può aiutarti a dormire meglio la notte.

Sfidando il tuo bisogno di certezza, puoi iniziare a lasciar andare comportamenti negativi, ridurre lo stress e le preoccupazioni e liberare tempo ed energia per scopi più pratici.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali