informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Reato di aggiotaggio: cos’è e come viene disciplinato

Commenti disabilitati su Reato di aggiotaggio: cos’è e come viene disciplinato Studiare a Bari

Si sente spesso parlare di reato di aggiotaggio nella cronaca nazionale, ma è un fenomeno difficile da inquadrare per la sua complessità. Il termine deriva dal francese agiotage, derivante a sua volta dal latino “aggio”, ossia “cambio di valore”. In questo caso, la variazione di valore si verifica nel mercato interno dei valori o delle merci, tramite azioni fraudolente capaci di minare l’interesse pubblico economico e la stabilità finanziaria. Per questo motivo, si tratta di un reato particolarmente grave, sanzionato dal codice civile e penale.

Cosa vuol dire aggiotaggio?

Il termine aggiotaggio indica un reato grave svolto principalmente in campo finanziario e bancario. L’articolo 501 lo definisce come “il rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio“.

Chi viene accusato di aggiotaggio comune provoca l’alterazione del prezzo delle merci o dei valori di un determinato titolo in borsa, attraverso artifizi o tramite la diffusione di notizie false, tendenziose o esagerate, per trarne un profitto personale.

Un esempio può essere quello di un azionista che, prima di investire in titoli azionari, consulta tutte le informazioni relative allo stato di salute di quei titoli. Se quelle informazioni risultano falsate o manipolate, l’investitore si troverà a fare un investimento sbagliato e a pregiudicare la sua situazione giudiziaria.

Esiste anche l’aggiotaggio operativo o manipolativo, che si verifica nel caso di acquisti ripetuti in giorni ravvicinati di azioni privilegiate, tali da produrre un anomalo rialzo della valutazione dei titoli, alterandone il normale andamento sul mercato.

Si tratta di un reato particolarmente grave, perché le conseguenze si ripercuotono sull’intero mercato finanziario, influenzandone l’economia sul lungo termine.

Com’è disciplinato il reato di aggiotaggio comune?

Il reato di aggiotaggio è una frode speculativa punita dall’ordinamento italiano sia nella forma comune (ex art. 501 del codice penale) che nella forma societaria e bancaria (ex art. 2637 del codice civile). Attraverso il reato di aggiotaggio la legislazione intende tutelare l’interesse pubblico economico a prezzi corretti.

Cosa stabilisce il diritto penale?

Il diritto penale (art. 501) punisce questo reato con la reclusione fino a tre anni e con una sanzione che può variare dai 516€ fino a 25.000€. Qualora si verificasse l’aumento o la diminuzione del valore dei titoli, le pene verrebbero aumentate.

Le pene sono raddoppiate se il reato determina un deprezzamento della valuta nazionale o dei titoli dello Stato, ovvero il rincaro di merci di comune o largo consumo o se è commesso dal cittadino per favorire interessi stranieri. Analogamente, le pene previste si applicano anche qualora il reato venga commesso all’estero arrecando danno all’economia e alla valuta nazionale.

La condanna comporta l’interdizione dai pubblici uffici. Il dolo previsto perché si configuri il reato di aggiotaggio è un dolo specifico.

Cosa stabilisce il codice civile?

Anche il codice civile tratta il reato di aggiotaggio  (art. 2637), che stabilisce quanto segue:

Chiunque diffonde notizie false, ovvero pone in essere operazioni simulate o altri artifici concretamente idonei a provocare una sensibile alterazione del prezzo di strumenti finanziari, quotati o non quotati, ovvero ad incidere in modo significativo sull’affidamento che il pubblico ripone nella stabilità patrimoniale di banche o di gruppi bancari, e’ punito con la pena della reclusione da uno a cinque anni.

Oltre all’aggiotaggio comune, il codice civile sanziona anche le azioni finalizzate ad alterare i prezzi degli strumenti finanziari non quotati e a condizionare l’affidabilità delle banche.

Com’è disciplinato il reato di aggiotaggio societario e bancario?

Più complessa e articolata la definizione di aggiotaggio societario e bancario, sancito dall’articolo 2637 c.c. e in seguito modificato grazie alla legge n. 62/2005.

L’articolo del codice civile stabilisce infatti che:

Chiunque diffonde notizie false, ovvero pone in essere operazioni simulate o altri artifici concretamente idonei a provocare una sensibile alterazione del prezzo di strumenti finanziari non quotati o per i quali non è stata presentata una richiesta di ammissione alle negoziazioni in un mercato regolamentato, ovvero ad incidere in modo significativo sull’affidamento che il pubblico ripone nella stabilità patrimoniale di banche o di gruppi bancari, è punito con la pena della reclusione da uno a cinque anni.

La legge 62/2005, invece, ha avuto l’effetto di limitare l’aggiotaggio societario all’alterazione dei prezzi dei soli strumenti finanziari non quotati prevedendo, per quelli quotati, una disciplina apposita nel testo unico intermediazione finanziaria.

Esempi di aggiotaggio

Tra i casi più eclatanti della cronaca italiana, vi è senza dubbio il crac Parmalat. Sul finire del 2003 si scoprì che l’azienda di Callisto Tanzi, in crisi finanziaria già dalla fine degli anni Novanta, avrebbe cercato di accrescere il proprio titolo azionario tramite la collaborazione di professionisti disposti a fornire informazioni errate per condizionarne il valore. Lo scandalo si concluse con una serie di sentenze tra 2008 e 2011, dei 29 imputati iniziali risultò condannato in via definitiva il solo Calisto Tanzi, ex patron dell’azienda. Le banche coinvolte per il reato di aggiotaggio informativo (Morgan Stanley, Bank of America, CitiGroup e Deutsche Bank) sono state assolte dal Tribunale di Milano il 18 aprile 2011. Dei 30.000 piccoli risparmiatori che avevano sottoscritto i bond emessi dalla Parmalat prima del crac, nessuno fu risarcito.

Un altro episodio che ha destato clamore riguarda l’accusa di aggiotaggio manipolativo mossa sul presidente della Lazio Claudio Lotito e un altro imprenditori, colpevoli di aver acquistato un pacchetto del 14,6% di azioni laziali. Così facendo Lotito avrebbe superato la soglia del 30% del pacchetto azionario, evitando, come impone la legge, di lanciare un’offerta pubblica d’acquisto.

L’aggiotaggio non può sicuramente essere tollerato dalla Legge: tale crimine, non solo favorisce l’accumulo di profitti illeciti per privati e gruppi finanziari, ma può incrinare profondamente l’economia dello Stato. Nel tutelare gli abusi di mercato la Consob svolge un ruolo di primo piano. La legge 18 aprile 2005, n. 62 ne ha ampliato i poteri di vigilanza e indagine; che possono essere attuati su chiunque sia informato sui fatti e possono prevedere perquisizioni, ispezioni, audizioni e anche il sequestro di beni. Inoltre, è la Consob che ha il potere di selezionare le anomalie di mercato.

Se si desidera approfondire la complessità dei crimini economici e ad elevato impatto economico, Unicusano ha attivato dei master specifici nell’area economica e giuridica rivolti a laureati che intendano sviluppare specifiche competenze nel campo della criminologia economica e forense.

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali