informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Stress da lavoro correlato: definizione e caratteristiche

Commenti disabilitati su Stress da lavoro correlato: definizione e caratteristiche Studiare a Bari

Poiché la salute non è solo l’assenza di malattie o infermità, ma uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, è inevitabile che un ambiente positivo influisca anche sulle prestazioni lavorative.

Un ambiente di lavoro sano e produttivo è quello in cui le pressioni sui dipendenti sono appropriate alle loro capacità e risorse e al supporto che ricevono dai colleghi e dai datori di lavoro.

Eppure, lo stress da lavoro correlato è un problema crescente in tutto il mondo che colpisce non solo la salute e il benessere dei dipendenti, ma anche la produttività delle aziende. Nonostante la sua diffusione, ancora se ne parla poco. In questo articolo cercheremo di fare chiarezza sulle cause e i sintomi, partendo innanzitutto dalla sua definizione.

Cosa si intende per stress da lavoro correlato?

Lo stress lavoro correlato si verifica quando le persone non riescono a far fronte alle richieste e alle pressioni lavorative, in quanto superiori alle loro conoscenze e capacità.

Lo stress si manifesta in un’ampia gamma di circostanze lavorative, ma spesso peggiora quando i dipendenti ritengono di avere poco supporto da parte di supervisori e colleghi, nonché scarso controllo sui processi lavorativi. C’è spesso confusione tra pressione o sfida e stress, e talvolta questo viene usato per giustificare una cattiva gestione lavorativa.

Se una soglia minima di pressione può essere utile per mantenere un lavoratore vigile e motivato, quando diventa eccessiva o altrimenti ingestibile, porta allo stress. Lo stress può danneggiare la salute dei dipendenti e le prestazioni aziendali.

I dipendenti hanno meno probabilità di sperimentare lo stress da lavoro correlato quando le richieste e le pressioni del lavoro rispondono alle loro conoscenze e capacità, quando riescono ad esercitare il controllo sul loro lavoro e sul modo in cui lo fanno, quando ricevono supporto da supervisori e colleghi e vengono coinvolti nelle decisioni lavorative.

Quali situazioni causano lo stress da lavoro correlato?

Le cause che portano al manifestarsi dello stress da lavoro correlato possono riguardare sia la tipologia di lavoro che il contesto lavorativo.

Se un tipo di lavoro tende a scadere nella monotonia o nella sotto-stimolazione, a causa di attività prive di significato o mancanza di varietà, può essere altrettanto stressate quanto un lavoro basato su turni rigidi e inflessibili, lunghi e non sociali, imprevedibili o mal progettati. Come accennato in precedenza, anche la mancanza di partecipazione e controllo sui processi decisionali può causare episodi di stress.

Anche il contesto lavorativo può avere una grande influenza sulla salute e il benessere lavorativo. Se un ambiente non si basa sulla meritocrazia o non prevede la possibilità di poter far carriera o se, peggio ancora, il lavoro è precario o di scarso valore sociale, il dipendente tenderà a sentirsi sminuito nel suo ruolo. Mancanza di comunicazione, supervisione inadeguata, scarsa leadership e mancanza di chiarezza sugli obiettivi possono avere conseguenze dannose per la salute.

I sintomi dello stress da lavoro correlato

I sintomi più comuni dello stress da lavoro correlato possono essere fisici, psicologici e comportamentali.

I sintomi fisici includono:

  • Fatica
  • Tensione muscolare
  • Mal di testa
  • Palpitazioni
  • Difficoltà a dormire, come l’insonnia
  • Disturbi gastrointestinali 
  • Disturbi dermatologici

I sintomi psicologici includono:

  • Depressione
  • Ansia
  • Scoraggiamento
  • Irritabilità
  • Pessimismo
  • Sentimenti di sopraffazione e incapacità
  • Difficoltà cognitive, come una ridotta capacità di concentrazione o di prendere decisioni.

I sintomi comportamentali includono:

  • Un aumento dei giorni di malattia o assenteismo
  • Aggressività
  • Calo della creatività
  • Calo delle prestazioni lavorative
  • Problemi con le relazioni interpersonali
  • Sbalzi d’umore e irritabilità
  • Minore livello di sopportazione e pazienza
  • Disinteresse
  • Solitudine

Come risolvere il problema dello stress da lavoro correlato?

È importante che i datori di lavoro riconoscano lo stress da lavoro correlato come un problema significativo per la salute e la sicurezza. Un’azienda può e deve adottare misure per garantire che i dipendenti non siano soggetti a stress inutili.

La base di partenza è quella di garantire un ambiente di lavoro positivo e incoraggiante, assicurandosi che tutti siano adeguatamente formati per il loro lavoro. Ridurre la necessità di straordinari riorganizzando le mansioni o assumendo personale aggiuntivo, può permettere di distribuire il carico di lavoro in maniera più bilanciata.

Elaborare una politica di gestione dello stress in consultazione con i dipendenti, discutendo sui problemi esistenti e riconoscendo apertamente lo stress da lavoro correlato come un problema, può incoraggiare i dipendenti ad avere più voce in capitolo. 

Essere rispettati e apprezzati dagli altri significativi è uno dei bisogni umani più fondamentali. Vedere il proprio valore riconosciuto, anche sul posto di lavoro, aumenta la motivazione e la soddisfazione, nonché la salute e il benessere.

Se la comprensione di queste dinamiche ti affascina, i Master dell’area psicologica attivati da Unicusano ti permetteranno di acquisire una formazione avanzata nel campo delle scienze psicologiche, con tutta la comodità di conseguire il titolo di studio online.

Credits immagine: Depositphotos/.shock

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali