informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come si fa l’analisi del testo: la guida completa

Commenti disabilitati su Come si fa l’analisi del testo: la guida completa Studiare a Bari

Stai cercando informazioni su come si fa l’analisi del testo?

Allora hai trovato la guida che fa per te. Dopo averti spiegato cos’è e come si scrive un tema argomentativo un precedente articolo, questa volta ci concentriamo proprio sull’analisi testuale, che spesso costituisce anche una delle possibili tipologie di svolgimento della prima prova agli esami di maturità, generalmente in riferimento alle opere dei migliori scrittori contemporanei, ma non solo.

Vuoi saperne di più? Allora non perdiamo tempo ed entriamo subito nel merito. Comprendere come si fa l’analisi del testo non può aspettare.

Analisi del testo: esempio e spiegazione

Nei prossimi paragrafi, dunque, andremo a spiegare come si fa un’analisi del testo come si deve. Cercheremo di fare qualche piccolo distinguo tra analisi del testo narrativo da una parte e analisi testo poetico dall’altra.

Cos’è l’analisi del testo narrativo

L’analisi del testo poetico o narrativo che sia, serve ad esaminare un brano o una poesia di un determinato autore. Al centro di ciò ci sono quattro scopi principali:

  1. Mettere alla prova il tuo grado di conoscenza della lingua e della grammatica, nonché doti di scrittura ad essa orientata
  2. Lasciarti esprimere le tue opinioni in modo logico e coerente;
  3. Verificare la tua preparazione in letteratura;
  4. Valutare se hai sviluppato e possiedi competenze idonee ad interpretare la natura di un testo, il suo stile e la sua forma grammaticale.

Ma andiamo per gradi: come si fa l’analisi del testo narrativo?

All’interno della voce “narratologia” su Wikipedia, troviamo le seguenti indicazioni:

«Per compiere un’analisi del testo, o analisi testuale bisogna, per prima cosa, dividere il testo in segmentazioni o sequenze che possono essere lineari o linguistico-funzionali.

Cesare Segre ha individuato nel proposito della segmentazione due obiettivi principali, quello di preparare le sequenze che, riorganizzate secondo la cronologia del contenuto, andranno a costituire la fabula e quello di individuare le zone di convergenza tra i vari tipi di funzioni discorsive e di linguaggio.

Preparando le sequenze si individuano tutti quei blocchi unitari che sono segnati da delimitazioni temporali, spaziali, contenutistiche e, nell’individuare le zone di convergenza, le sequenze narrative vengono rilevate in base alle loro caratteristiche linguistiche, come la narrazione, la descrizione, la riflessione».

Analisi del testo: schema narrativo

Ecco la prassi da seguire per eseguire un’analisi del testo corretto.

  1. Introduci il brano, specificando l’autore e l’eventuale opera da cui è stato tratto;
  2. Riassumi il contenuto o svolgi la parafrasi del brano, ovvero esponi il testo con parole tue;
  3. Analizza il testo, la forma e il suo stile, rispondendo a tutte le domande relative ad esso ed evitando di finire fuori tema;
  4. Fornisci un interpretazione e gli approfondimenti del caso, facendo magari riferimento ad altre opere dello stesso autore o di altri.

Passiamo adesso, più specificatamente, all’analisi di un testo poetico.

Analisi del testo poetico: esempio

Chiarita la parte narrativa e più generale, apriamo un focus anche su come si fa l’analisi del testo poetico.

Ecco i giusti passi da compiere per svolgerla correttamente:

  1. Leggi la poesia e cerca di comprenderla;
  2. Una volta letta e compresa, passa all’introduzione Essa deve comprendere titolo, anno di composizione, nome dell’autore e raccolta di riferimento;
  3. Passa alla parafrasi, utilizzando vocaboli di uso comune al posto delle parole o rime poetiche, in modo da chiarire il senso e il significato dell’analisi poesia.
  4. Inserisci un commento su tutti gli elementi che consideri rilevanti, esprimendoti in terza persona;
  5. Analizza la struttura metrica di una poesia, le rime, le figure retoriche e il linguaggio;
  6. Evidenzia gli argomenti trattati e il loro significato.

E così, seguendo questo schema, il gioco è fatto. Avrai compreso anche come si fa l’analisi del testo poetico in maniera completa e corretta. Se non è un’analisi del testo svolta poco ci manca.

Analisi del testo: esercizi Montale maturità 2012

Se vuoi esercitarti per verificare se hai effettivamente capito come si fa l’analisi del testo, puoi fare riferimento ad uno degli esercizi più esemplificativi ed istruttivi degli ultimi anni. Di cosa stiamo parlando? Della prova di maturità 2012 (clicca per vedere l’allegato), che prende in esame il testo di Eugenio Montale “Ammazzare il tempo” (tratto da da Auto da fé. Cronache in due tempi, Il Saggiatore, Milano 1966). La prova è suddivisa in tre punti.

  1. Comprensione del testo: Riassumi tesi e argomenti principali.
  2. Analisi del testo: Quali sono i problemi risolvibili secondo Montale? Spiega il significato che Montale attribuisce all’espressione “ammazzare il tempo”. Perché si accrescono i “bisogni inutili” e si inventeranno “nuovi tipi di lavoro inutile”? Noti nel testo la presenza dell’ironia? Argomenta la tua risposta. Esponi le tue osservazioni in un commento personale di sufficiente ampiezza.
  3. Interpretazione complessiva ed approfondimenti: Sulla base dell’analisi condotta, ricerca la “visione del mondo” espressa nel testo e approfondisci la ricerca con opportuni collegamenti ad altri testi di Montale. Alternativamente, soffermati sul grado di attualità / inattualità dei ragionamenti di Montale sul lavoro e sul tempo.

E con questo siamo giunti alla conclusione della guida Unicusano su come si fa l’analisi del testo. Adesso ti senti più preparato?

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali