informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa sancisce la convenzione di New York?

Commenti disabilitati su Cosa sancisce la convenzione di New York? Studiare a Bari

Nel 1989, i leader mondiali hanno assunto un impegno storico a favore dei bambini del mondo adottando la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia, un accordo internazionale sull’infanziaÈ diventato il trattato sui diritti umani più ratificato della storia e ha contribuito a trasformare la vita dei bambini in tutto il mondo. 

La Convenzione, sancita dalle Nazioni Uniti, stabilisce i diritti civili, politici, economici, sociali, sanitari e culturali dei bambini. Le nazioni che hanno ratificato questa convenzione o vi hanno aderito sono vincolate dal diritto internazionale e, il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia, ha il compito di vigilare sull’attuazione della Convenzione da parte degli Stati che l’hanno ratificata.

Ma perché rappresenta un punto di svolta per i bambini di tutto il mondo?

Che cos’è la Convenzione sui diritti del fanciullo?

La Convenzione sui diritti dell’infanzia è un trattato internazionale che riconosce i diritti umani dei bambini, definiti come persone fino all’età di 18 anni. È stata la prima volta nella storia che gli Stati hanno assunto un impegno formale per garantire la realizzazione dei diritti dei bambini e monitorare i progressi sulla situazione infantile.

La Convenzione stabilisce nel diritto internazionale che gli Stati Parti devono garantire che tutti i bambini – senza alcuna forma di discriminazione – beneficino di speciali misure di protezione e assistenza; abbiano accesso a servizi come l’istruzione e l’assistenza sanitaria; possano sviluppare le loro personalità, abilità e talenti al massimo potenziale; crescano in un ambiente di felicità, amore e comprensione; e e possano realizzare i propri diritti in modo accessibile e attivo.

La Convenzione sui diritti dell’infanzia è il trattato sui diritti umani più ratificato della storia. Ben 196 hanno preso parte alla Convenzione, ratificandone le decisioni. Solo gli Stati Uniti d’America hanno firmato da Convenzione senza ratificarla. 

Quale importanza ha il bambino?

La Convenzione fornisce un insieme universale di standard a cui tutti i Paesi devono attenersi. Riflette una nuova visione del bambino. I bambini non sono né proprietà dei genitori né oggetti impotenti. Sono esseri umani e hanno dei propri diritti. La Convenzione offre una visione del bambino come individuo e membro di una famiglia e di una comunità, con diritti e responsabilità adeguati alla sua età e stadio di sviluppo. Riconoscere i diritti dei bambini in questo modo pone fermamente l’attenzione su tutto il bambino. 

Gli standard della Convenzione sui diritti dell’infanzia sono stati negoziati da governi, organizzazioni non governative, difensori dei diritti umani, avvocati, specialisti della salute, assistenti sociali, educatori, esperti di sviluppo infantile e leader religiosi di tutto il mondo, in un arco temporale di oltre 10 anni. Il risultato è un documento unanimemente condiviso che tiene conto dell’importanza della tradizione e dei valori culturali per la protezione e lo sviluppo armonioso del bambino. Rispecchia i principali ordinamenti giuridici del mondo e riconosce le esigenze specifiche dei Paesi in via di sviluppo.

I punti cardine della Convenzione di New York

Gli Stati ratificanti devono agire nell’interesse superiore del bambino. I principi guida della Convenzione sono: non discriminazione; il diritto intrinseco del bambino alla vita e l’obbligo degli Stati parti di assicurare nella massima misura possibile la sopravvivenza e lo sviluppo del bambino; e il diritto del bambino di esprimere liberamente le proprie opinioni in tutte le questioni che lo riguardano, dando il giusto peso a tali opinioni.  

La Convenzione definisce “bambino” una persona di età inferiore ai 18 anni, a meno che le leggi pertinenti non riconoscano una maggiore età. Su alcune questioni, gli Stati sono obbligati a prevedere età minime, come l’età per l’ammissione al lavoro e il completamento della scuola dell’obbligo; ma in altri casi la Convenzione è inequivocabile nel vietare l’ergastolo senza possibilità di scarcerazione o pena capitale per i minori di 18 anni.

In tutte le giurisdizioni che attuano la Convenzione è richiesto il rispetto delle leggi sull’affidamento e la tutela dei minori poiché ogni minore ha diritti fondamentali, incluso il diritto alla vita, al proprio nome e identità, ad essere cresciuto dai genitori all’interno di una famiglia o un gruppo culturale e ad avere una relazione con entrambi i genitori, anche se separati.

La Convenzione obbliga gli Stati a consentire ai genitori di esercitare le proprie responsabilità genitoriali. La Convenzione riconosce inoltre che i bambini hanno il diritto di esprimere le proprie opinioni, di far valere le proprie ragioni, di essere protetti da abusi o sfruttamento e di tutelare la loro privacy. Richiede che le loro vite non siano soggette a interferenze eccessive.

La Convenzione obbliga inoltre gli Stati firmatari a favorire una rappresentanza legale separata per un minore in qualsiasi controversia giudiziaria relativa alla sua cura e chiede che il punto di vista del minore sia ascoltato in tali casi.

La Convenzione vieta la pena capitale per i bambini. Nel suo Commento Generale 8 (2006) il Comitato ha affermato che un “obbligo di tutti gli Stati è quello di di agire rapidamente per vietare ed eliminare tutte le punizioni corporali e tutte le altre forme di punizione crudeli o degradanti che coinvolgano i bambini“.

L’articolo 19 della Convenzione afferma che gli Stati aderenti devono “adottare tutte le misure legislative, amministrative, sociali ed educative appropriate per proteggere il bambino da ogni forma di violenza fisica o mentale“, ma non fa alcun riferimento alle punizioni corporali. L’interpretazione del Comitato, che ha incluso anche il divieto di punizioni corporali, è stata respinta da diversi Stati parti della Convenzione, tra cui Australia, Canada e Regno Unito.

Quali sono i settori in cui la Convenzione sui diritti dell’infanzia è stata più efficace?

Nei 30 anni dall’adozione della Convenzione, la vita di milioni di bambini è stata migliorata attraverso la progressiva realizzazione dei diritti e l’adempimento degli obblighi sanciti dalla Convenzione e dai suoi tre Protocolli Opzionali.

La Convenzione ha permesso a molti Stati di:

  • Incorporare i principi dei diritti dei bambini nella legislazione
  • Istituire organismi interdipartimentali e multidisciplinari per affrontare i diritti dei bambini
  • Sviluppare agende nazionali per i bambini
  • Promuovere i garanti per i bambini o i commissari per i diritti dei bambini
  • Favorire stanziamenti per la realizzazione dei diritti dei bambini
  • Attuare interventi mirati alla sopravvivenza e allo sviluppo dei bambini
  • Affrontare la discriminazione e altri ostacoli alla realizzazione dei diritti dei bambini, comprese le disparità socioeconomiche tra i bambini 
  • Creare opportunità per i bambini di esprimere le proprie opinioni ed essere ascoltati
  • Valutare l’impatto delle misure sui bambini.

In che modo i progressi vengono monitorati?

Il Comitato sui diritti dell’infanzia, un organo eletto di esperti indipendenti che monitora l’attuazione della Convenzione, richiede ai governi ratificanti di presentare rapporti regolari sullo stato dei diritti dei bambini nei loro Paesi. Il Comitato esamina questi rapporti e formula raccomandazioni agli Stati. Ove necessario, il Comitato chiede l’assistenza internazionale di altri governi e l’assistenza tecnica di organizzazioni come l’UNICEF. 

Attraverso le revisioni dei rapporti nazionali, il Comitato esorta tutti i livelli di governo a utilizzare la Convenzione come guida nella definizione e attuazione delle politiche, tra cui: avere un piano nazionale per i bambini, monitorare quanti investimenti vengono stanziati in favore dei bambini, condurre regolari valutazioni in ogni dipartimento governativo utilizzando dati affidabili sulla vita dei bambini e disponendo di un difensore civico indipendente per i bambini.

Se la tutela dei diritti dei minori è un campo che ti affascina, Unicusano ha attivato uno specifico master per laureati in giurisprudenza, con l’intento di formare figure professionali in grado di poter operare nei contesti a sostegno dei minori.

Credits immagine: Depositphotos/AllaSerebrina

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali