informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Counseling relazionale: cos’è, a cosa serve, perché è utile

Commenti disabilitati su Counseling relazionale: cos’è, a cosa serve, perché è utile Studiare a Bari

Trovi spesso che le tue relazioni influenzino il tuo umore? Sei ansioso quando di gestire nuove situazioni sociali come un ambiente di lavoro?

Se ci sentiamo depressi o frustrati nei nostri rapporti con gli altri, la psicologia fa risalire questa condizione a dei meccanismi relazionali insoddisfacenti, che possono riguardare il rapporto con la famiglia, i colleghi, gli amici o il partner.

Come puoi liberarti dalle relazioni distruttive del passato e trovare nuovi modi di interagire con gli altri che ti facciano sentire meglio con te stesso e la tua vita?

In questi casi, un grande supporto può venire dal consueling relazionale, una disciplina che ti permette di focalizzarti sui modi in cui ti relazioni con gli altri, sconfiggendo meccanismi dannosi. Vediamo in cosa consiste.

Consueling relazionale: in cosa consiste

Il consueling relazionale relazionale è un approccio psicoanalitico che si concentra sulla relazione tra il terapeuta e il cliente per elaborare i problemi psicologici e comportamentali. I professionisti della salute mentale che praticano il consueling relazionale considerano le relazioni come centrali per la salute psicologica e usano la relazione terapeutica per aiutare a facilitare la consapevolezza, la crescita e il cambiamento positivo.

Il terapeuta relazionale prenderà in considerazione le relazioni passate e attuali del cliente, l’etnia, il genere, la classe socioeconomica, la sessualità e l’orientamento politico. Un obiettivo primario del consueling relazionale è che i clienti lascino le sessioni di terapia sentendosi connessi, compresi e rinvigoriti piuttosto che vuoti, vulnerabili ed esposti. 

Il consueling relazionale è più strettamente correlato alla psicoanalisi freudiana classica da cui deriva, ma tenta anche di prendere le distanze da questa teoria enfatizzando gli aspetti relazionali piuttosto che le pulsioni istintive. Nella terapia freudiana, si accede ai sogni e alla psiche subconscia per analizzare, diagnosticare e trattare i problemi di un paziente. Al contrario, un terapeuta relazionale interpreterà la relazione del cliente, la comunicazione, il linguaggio del corpo e la storia sociale/ambientale per valutare e trattarne le problematiche.

I principi fondamentali del consueling relazionale

La psicoterapia relazionale si fonda sul concetto che la relazione con gli altri è un aspetto essenziale del benessere emotivo. Gli individui che trovano difficile mantenere relazioni sane possono provare un senso di disconnessione oltre a sentimenti di diminuita autostima e angoscia generale, e il loro benessere emotivo può essere influenzato negativamente. 

La pratica della psicoterapia relazionale aderisce ai seguenti principi

  • È importante per una persona mantenere relazioni appaganti e soddisfacenti con coloro che le circondano al fine di mantenere la salute emotiva.
  • Lo stress e lo sconvolgimento emotivo sono spesso il risultato di passate esperienze relazionali e queste preoccupazioni possono inibire la piena espressione del  presente.
  • Il counselor deve ricreare un’atmosfera di empatia e attenzione al fine di suscitare la piena divulgazione delle esperienze e degli eventi che interessano la persona in cerca di trattamento, nonché degli effetti che hanno avuto sia a livello relazionale che sociale.
  • Il terapeuta e la persona in terapia lavorano insieme per creare una relazione forte, collaborativa e sicura che possa servire da modello per le relazioni future che la persona desidera sviluppare. 

Qual è l’obiettivo del consueling relazionale?

L’obiettivo del consueling relazionale è aiutare le persone a sviluppare e mantenere relazioni stabili, sane e sicure. Si ritiene che la mancanza di relazioni appaganti nella vita di una persona possa causare una serie di problemi psicologici comuni, tra cui instabilità dell’umore, ansia sociale, dipendenza e maggiore suscettibilità ai traumi. L’empatia e la comprensione reciproche, espresse attraverso la relazione terapeutica, possono aiutare nel raggiungimento di questo obiettivo. 

La terapia relazionale aiuta le persone a diventare più consapevoli delle esperienze passate e dei modelli di comportamento che impediscono loro di sviluppare relazioni sane, oltre ad aiutarle a sviluppare le abilità necessarie per migliorare le loro relazioni.

La terapia relazionale può essere utilizzata per trattare una varietà di problemi, dal disturbo d’ansia generalizzato alla depressione fino al disturbo da stress post-traumatico. A causa dell’enfasi primaria sulle relazioni, la terapia relazionale includerà spesso domande e discussioni sulle relazioni precedenti e attuali di un paziente.

Questo approccio aiuta in gran parte le persone ad affrontare gli effetti delle sfide relazionali, come problemi familiari e difficoltà nelle relazioni intimenuove situazioni di vita o problemi scolastici e lavorativi. La psicoterapia relazionale può anche essere utile per coloro che trovano difficile la regolazione emotiva, e si è anche dimostrata utile nel trattamento delle difficoltà relazionali vissute con ansia, stress o depressione. 

Come diventare counselor relazionale

In Italia si deve ancora fare chiarezza sulla figura professionale del counselor. Molti psicologi possiedono master in counseling e lavorano con questo approccio. Non esiste un percorso accademico predefinito per chi vuole intraprendere questa carriera, ma va da sé che siano particolarmente indicate quelle discipline orientate alla formazione e all’ascolto, come ad esempio Scienze della Formazione Primaria a Bari. Per maggiori informazioni contattaci direttamente compilando il form presente in pagina.

Credits immagine: Depositphotos/Wavebreakmedia

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali