informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Decreto anticorruzione: ecco quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Decreto anticorruzione: ecco quello che devi sapere Studiare a Bari

Conosci la normativa prevista dal decreto anticorruzione in Italia?

La cosiddetta legge Severino numero 190 del 2012, è una normativa che disciplina l’anticorruzione e trasparenza dell’operato della pubblica amministrazione. Conoscerla è dunque molto importante per tutti, in particolare per coloro che hanno ricoprono cariche pubbliche o hanno legami, anche professionali con esse. Dai politici ai dipendenti pubblici e non. Questi ultimi in particolare, infatti, sono generalmente soggetti ad un apposito codice comportamento dipendenti.

Per maggiori approfondimenti in questo senso, ti consigliamo di dare un’occhiata anche alle nostre guide su come diventare assessore, ma anche su come lavorare nei musei piuttosto che in ambasciata.

Ma tornando al merito delle leggi anticorruzione, in questo articolo andremo a scoprire meglio di cosa tratta, oltre che a vedere dove e come consultare il testo ufficiale e definitivo della norma.

Ti interessa saperne di più? Allora non perdiamo tempo e iniziamo subito. Buona lettura.

Legge anticorruzione: sintesi

Nei prossimi paragrafi di questa vera e propria guida, quindi, andremo a parlare di tutto quello che c’è da sapere in merito al decreto anticorruzione e in tutta la normativa collaterale in questo ambito.

Legge 190 2012: cos’è e cosa prevede

Ma cos’è più esattamente questo decreto anticorruzione e cosa contiene? Per chiarirti un po’ le idee, partiamo dalla definizione che ne da Wikipedia:

«La legge 6 novembre 2012, n. 190 (nota anche come legge Severino dal nome del Ministro della giustizia del governo Monti, Paola Severino) è una legge della Repubblica Italiana in tema di prevenzione e repressione della corruzione.

I successivi decreti legislativi 235/2012, 33/2013 e 39/2013 furono emanati dal governo Monti sulla base della legge delega 28 giugno 2012, n.110, già in parte predisposta durante il governo Berlusconi IV, approvata, dopo varie modifiche parlamentari, dalla maggioranza parlamentare che sosteneva l’esecutivo».

Va detto, inoltre, che l’attuazione del decreto è passato attraverso l’emanazione di quattro decreti attuativi. Eccoli riepilogati:

  1. dicembre 2012, decreto legislativo n. 235;
  2. marzo 2013, decreto legislativo n. 33;
  3. aprile 2013, decreto legislativo n. 39;
  4. aprile 2013 decreto del Presidente della Repubblica n. 62.

Quello che abbiamo appena ricostruito è il contesto all’interno del quale si è sviluppato il decreto anticorruzione. In merito al contenuto dello stesso, invece, la stessa fonte spiega che:

«La legge, oltre ad avere un contenuto dispositivo immediato, come l’obbligo per le pubbliche amministrazioni di redigere un piano di prevenzione per la corruzione e il conferimento alla CiVIT del ruolo di “Autorità Nazionale Anticorruzione“, conferiva sette deleghe al governo italiano per redigere delle misure per la prevenzione e la repressione della corruzione nella pubblica amministrazione. Di queste deleghe solo quattro furono attuate, mentre le altre tre decaddero».

Più approfonditamente, oltre le già citate deleghe al governo, la normativa introduce o si occupa di atri tre aspetti fondamentali:

  1. Misure per la prevenzione della corruzione;
  2. Modifiche al codice penale;
  3. Modifiche al codice civile.

Detto questo, cominci ad avere un quadro più chiaro in merito a ciò che riguarda il decreto anticorruzione? Molto bene, allora andiamo avanti.

Trasparenza pubblica amministrazione: la legge Madia

Successivamente al decreto anticorruzione a firma Severino, è il decreto Legislativo 25 maggio 2016, n. 97, entrato in vigore il 23 giugno 2016, recante “Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza”.

Si tratta di uno dei decreti attuativi della delega della cosiddetta Legge Madia ed ha apportato alcune modifiche, tra le altre, alla stessa legge Severino.

In particolare viene attribuito all’ANAC il compito di adottare piani di durata triennale. Inoltre introduce una ridefinizione dei ruoli e dei poteri dell’organo di indirizzo politico, del RPCC e dell’organismo indipendente di valutazione.

Detto questo, devi sapere che se vuoi specializzarti nel settore di riferimento del decreto anticorruzione, esistono di versi corsi di laurea e soprattutto master universitari che possono fare al caso tuo. Andiamo a conoscerli nel prossimo ed ultimo paragrafo.

Cosa studiare e dove scaricare legge anticorruzione pdf

La lauree più affini in questo senso sono sicuramente quelle appartenenti all’area giuridica e delle scienze politiche. Il corso perfetto per operare in questo settore, però, è senza ombra di dubbio il Master in “La nuova legge anticorruzione nella Pubblica Amministrazione”. Un titolo che dice davvero tutto: più chiaro e attinente di così non si può.

Altri master che hanno decisamente a che fare con questa tematica possono essere:

  1. Responsabilità amministrativa – Mira a formare professionisti e politici altamente specializzati nel settore della responsabilità giuridica e disciplinare delle amministrazioni pubbliche;
  2. Gestione degli appalti pubblici.- Questo corso ti permetterà di acquisire il know-how necessario nel settore della gestione degli appalti pubblici;
  3. Governance e management – Si propone di formare figure in grado di aiutare le amministrazioni a risolvere le proprie lacune nel campo della progettazione e della gestione di politiche pubbliche;
  4. Strategie di innovazione nella P.A. – L’innovazione nella pubblica amministrazione può essere uno degli aspetti più danneggiati dalla corruzione;
  5. Fare politica etica – Se vuoi avere le consocenze necessarie per mantenere una condotta impeccabile nell’esercizio di funzioni pubbliche. Dai principi costituzionali, ai rapporti con l’U.E. Questo master ti aiuterà ad attuare e far rispettare i giusti modelli comportamentali, i Codici etici, la deontologia e la trasparenza negli uffici pubblici. Saprai sempre come comportarti, dinanzi ad ogni situazione;
  6. Diritto amministrativo – Corso che rivolge particolare attenzione ai rapporti tra pubblica amministrazione e giurisdizione del giudice ordinario.

Puoi visionare le schede complete di questi e di tutti gli altri master universitari e corsi di laurea nell’area didattica del sito istituzionale Unicusano.it.

Mentre sui siti del Ministero della Giustizia o dell’ANAC è possibile trovare la normativa in materia di anticorruzione e trasparenza pdf.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali