informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è un romanzo storico: tutto quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Cos’è un romanzo storico: tutto quello che devi sapere Studiare a Bari

Sei alla ricerca di informazioni su cos’è un romanzo storico?

Il romanzo storico è un genere letterario ben preciso, che in questo articolo andremo a conoscere meglio nel dettaglio, andando ad approfondirne caratteristiche, struttura, definizione ed esempi.

In questa guida cercheremo di darti quindi tutte le informazioni necessarie a comprendere di cosa si tratta e, se serve, fare di un romanzo storico mappa concettuale. Ricordandoti che per questa specifica necessità, esistono dei programmi ad hoc per aiutarti.

Curioso di iniziare? Allora non perdiamo tempo, prepara la macchina del tempo e allaccia bene le cinture, partiamo subito alla ricerca della risposta alla tua domanda: cos’è un romanzo storico?

Tutto ciò che devi sapere sul romanzo storico: caratteristiche, definizione, esempi

Andiamo adesso a comprendere cos’è un romanzo storico, attraverso la definizioni che ne danno le principali enciclopedie, indicandone le caratteristiche principali, raccontandone nascita ed evoluzione, fino a fare degli esempi più contemporanei. Buona lettura.

Romanzo storico: significato

Cerchiamo di mettere a paragone tre autorevoli definizioni di romanzo storico.

Partiamo dall’Italia. Nella definizione di romanzo storico Treccani, ad esempio, si legge che esso:

«Si propone di illustrare il quadro di un’epoca passata narrando non solo i grandi avvenimenti storici, ma soprattutto i loro effetti sulla vita privata della gente comune. Caratteristica di questo genere di romanzo è la mescolanza tra realtà dei grandi fatti storici narrati e finzione degli eventi che accadono ai personaggi».

Per l’Enciclopedia Britannica, un romanzo si definisce storico quando:

«È ambientato in un’epoca storica e intende trasmetterne lo spirito, i comportamenti e le condizioni sociali attraverso dettagli realistici e con un’aderenza (in molti casi solo apparente) ai fatti documentati. Può contenere personaggi realmente esistiti, oppure una mescolanza di personaggi storici e di invenzione».

Infine, secondo la Historical Novel Society (Società angloamericana per la promozione e la tutela del romanzo storico):

«Per essere ritenuto storico, un romanzo deve essere stato scritto almeno cinquanta anni dopo gli eventi descritti, o deve essere stato scritto da un autore che all’epoca di tali eventi non era ancora nato (e quindi ha dovuto documentarsi su di essi). Consideriamo storici anche i seguenti stili di romanzo: ucronico (come Fatherland di Robert Harris), pseudo-storico (come L’isola del giorno prima di Umberto Eco), fanta-storico (come la trilogia di re Artù di Bernard Cornwell) e multitemporale (come Le ore di Michael Cunningham)».

In definitiva, cos’è un romanzo storico?

Riassumendo, possiamo affermare che si tratta di un’opera narrativa ambientata in contesti storici passati, all’interno della quale vengono rievocati usi e costumi dell’epoca, in modo da far immergere il lettore nell’atmosfera di quel tempo. Dove racconti storici realmente accaduti e immaginari possono mischiarsi e contaminarsi a vicenda, dando vita ad un genere ibrido in grado di far sognare ancora di più chi legge.

Nascita del romanzo storico: le origini

Approfondiamo adesso la storia del romanzo storico.

Il secolo nel quale ha avuto la maggiore espansione è stato l’Ottocento.

Le motivazioni sono da ricercarsi principalmente in quattro avvenimenti legati a quell’epoca.

  1. La narrativa acquisisce una posizione di supremazia rispetto agli altri generi letterari;
  2. Cresce l’interesse per le discipline storiche, anche grazie all’affermarsi del metodo scientifico;
  3. Si afferma il concetto filosofico secondo il quale il corso degli eventi nel tempo non è casuale, ma segua precise logiche;
  4. Nazionalismo e romanticismo si rifanno alla passata grandezza dei popoli per ispirarli.

storia del romanzoEd il romanzo storico, che è un genere tipicamente romantico, ha giovato di questo contesto.

Prima dell’Ottocento, qualcosa di simile come genere letterario era riscontrabile in Shakespeare, ma anche in alcune opere di Maiolino Bisaccioni nel Seicento o in Defoe, Richardson, Fielding, Swift, Voltaire e Diderot nel Settecento.

Ma Waverley, considerato il vero capostipite del genere, venne pubblicato dal padre del romanzo storico Walter Scott nel solo nel 1814.

Il racconto storico in Europa

Subito dopo il romanzo storico di Walter Scott, scrittore scozzese, una delle prime nazioni europee a conoscere l’influenza del genere fu la Germania.

Nel 1834 esce il primo romanzo storico tedesco: si chiamava 1812 ed era opera di Ludwing Rellstab. Tra i romanzi storici tedeschi più importanti dell’epoca ci sono:

  1.  Le brache del signor Von Bredow, romanzo storico-umoristico scritto da Willibald Alexis (alias Wilhem Haring);
  2. Witiko di Adalbert Stifter;
  3. Ein Kampf um Rom di Felix Dahn.

Altra nazione molto attiva, sulla scia di Scott, fu la Russia.

Tra i romanzi storici russi più importanti ricordiamo:

  1. Jurij Miloslavskij o i russi nel 1612 di Michail Nikolaevic Zagoskin, datato 1829;
  2. L’ultimo Novik di Ivan Ivanovic Lazecnikov, che narra il periodo di Pietro il Grande;
  3. La casa di ghiaccio, ancora di Lazecnikov, ambientato negli anni dell’imperatrice Anna di Russia;
  4. La figlia del Capitano, romanzo di Aleksandr Sergeevič Puškin sul periodo della zarina Caterina di Russia.

Anche la Francia visse una grande fioritura di romanzi storici nell’Ottocento

In particolare grazie ai romanzi di storia di Alexandre Dumas padre, Marie-Henri Beyle Stendhal, Honoré de Balzac, Gustave Flaubert, Emile Zola, Victor Hugo.

Mentre il romanzo storico I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni rappresenta l’opera per eccellenza del genere in Italia.

Ed ecco svelato cos’è un romanzo storico e quali sono le sue origini.

Romanzo storico: esempio

Prima di concludere questa nostra guida su cos’è un romanzo storico, vogliamo farti qualche altro esempio.

Abbiamo già per sommi capi raccontato la storia delle principali opere di questo affascinante genere letterario, adesso ti proponiamo sei tra i migliori romanzi storici da leggere, oltre ai già citati nei paragrafi precedenti.

Per la categoria “romanzo storico consigli per te”, ecco i nostri suggerimenti:

  1.  Il nome della Rosa, di Umberto Eco. Vincitore del Premio Strega nel 1981 e presente nella lista dei 100 libri del secolo stilata da Le Monde. Ambientato nel Medioevo, racconta un’intricata serie di omicidi avvenuti in convento alla vigilia di un importante processo d’inquisizione;
  2. L’ultima legione, di Valerio Massimo Manfredi. Un best seller da oltre 6 milioni di copie nel mondo. Ambientato nel 476, quando l’Impero Romano d’Occidente era assediato dalle armate del Generale Odoacre;
  3. Alla Corte dei Borgia, di Jeanne Kalogridis. Narra la storia della giovane Sancia di Aragona, data in sposa tra pericoli e insidie a Goffredo Borgia. Un matrimonio combinato, finalizzato ad ampliare il potere di Papa Rodrigo Borgia, alias Alessandro VI, che nella sua corrotta corte romana sogna di riuscire a dominare l’Italia;
  4. Una questione privata, di Beppe Fenoglio. Ambientato nella seconda guerra mondiale, racconta il fronte partigiano attraverso l’amore di Milton per Fulvia, una bella ragazza sfollata da Alba, che però parrebbe avere una relazione proprio con un compagno del protagonista;
  5. Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino. Libro di denuncia contro la guerra e il Nazismo. Racconta di un gruppo di ebrei condannati all’esecuzione o sopravvissuti allo sterminio che pianificano un attentato contro il gerarca nazista Joseph Goebbels;
  6. Le uova del drago, di Pietrangelo Buttafuoco. Ispirato alla vera storia di Eughenia Lenbach, bella e giovane soldatessa tedesca e soprattutto spia nazista molto vicina ad Hitler.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali