informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Pittori futuristi: ecco i 10 più importanti

Commenti disabilitati su Pittori futuristi: ecco i 10 più importanti Studiare a Bari

Sei un’amante dell’arte alla ricerca dei migliori pittori futuristi?

Allora stai leggendo l’articolo giusto. In questa guida, infatti, andremo alla scoperta dei migliori artisti del futurismo, ovvero degli appartenenti a questa straordinaria e controversa avanguardia culturale europea. La corrente artistica di Carrà e Soffici, solo per anticipare due dei più famosi pittori del 900.

Un movimento che ha anche coinvolto anche alcuni tra i migliori scrittori contemporanei e certamente ispirato più di un romanzo storico.

Hai voglia di saperne di più? Allora non perdiamo tempo ed entriamo subito nel merito: il dinamismo dei pittori futuristi ci attende.

Arte futurista: dalla letteratura alla pittura

Il futurismo abbracciò diverse discipline artistiche e culturali: dalla pittura alla scultura, dal mosaico all’architettura, dalla ceramica alla musica e alla letteratura. Ma anche cinema, teatro o gastronomia. Nei prossimi paragrafi, come annunciato, ci concentreremo soprattutto sulla pittura futurista. Buona lettura.

Futurismo definizione e sintesi

Prima di conoscere i nomi e le opere d’arte dei più grandi pittori futuristi, facciamo un piccolo ma doveroso passo indietro per partire dalle basi.

Cos’è il futurismo? Questa è la domanda dalla quale partire. Per trovare una risposta esaustiva, prendiamo a riferimento la definizione che ne da l’Enciclopedia Treccani:

«Movimento letterario, artistico e politico, fondato nel 1909 da F. T. Marinetti in reazione, oltre che alla letteratura borghese dell’Ottocento, alla magniloquenza e all’estetismo dannunziani. Attraverso tutta una serie di “manifesti” e di clamorose polemiche, propugnava un’arte e un costume che avrebbero dovuto fare tabula rasa del passato e di ogni forma espressiva tradizionale e informarsi al dinamismo della vita moderna, della civiltà meccanica, proiettandosi verso il futuro, nel tripudio dei sensi, obbedendo allo slancio vitale e alla volontà di potenza, individuale e nazionale: in Italia si espresse politicamente schierandosi con il partito interventista in occasione della prima guerra mondiale e si confuse, in taluni suoi esponenti, col fascismo stesso».

Inoltre, la stessa fonte, entrando ancora più nel dettaglio, precisa anche che:

«I manifesti programmatici e l’attività, insieme dissolutrice e vitalistica, del futurismo riguardarono, oltre che la letteratura, la politica e il costume, anche la pittura, la scultura, l’architettura, la musica, il teatro, il cinema e le arti decorative, ponendo il movimento nel novero delle grandi correnti artistiche contemporanee».

Nel prossimo paragrafo andremo a scoprire come gli stessi futuristi definivano il loro modo di fare pittura.

Manifesto futurismo pittura

Per quanto riguarda più specificatamente il manifesto della pittura futurista, tra le altre cose, esso sanciva che le caratteristiche di tale arte avrebbero dovuto riguardare l’abolizione della prospettiva tradizionale e il moltiplicarsi dei punti di vista per esprimere il dinamico interagire del soggetto con lo spazio circostante. Pertanto si proponeva di portare avanti otto punti, che citiamo testualmente:

  1. Distruggere il culto del passato, l’ossessione dell’antico, il pedantismo e il formalismo accademico;
  2. Disprezzare profondamente ogni forma d’imitazione;
  3. Esaltare ogni forma di originalità, anche se temeraria, anche se violentissima;
  4. Trarre coraggio ed orgoglio dalla facile faccia di pazzia con cui si sferzano e s’imbavagliano gl’innovatori;
  5. Considerare i critici d’arte come inutili e dannosi;
  6. Ribellarci contro la tirannia delle parole: armonia e di buon gusto, espressioni troppo elastiche, con le quali si potranno facilmente demolire l’opera di Rembrandt, quella di Goya e quella di Rodin;
  7. Spazzar via dal campo ideale dell’arte tutti i motivi, tutti i soggetti già sfruttati;
  8. Rendere e magnificare la vita odierna, incessantemente e tumultuosamente trasformata dalla scienza vittoriosa. Siano sepolti i morti nelle più profonde viscere della terra! Sia sgombra di mummie la soglia del futuro! Largo ai giovani, ai violenti, ai temerari!

Fatte tutte le premesse del caso, andiamo adesso a conoscere i migliori pittori futuristi.

Futuristi italiani

quadri futuristiIl Manifesto tecnico della pittura futurista venne pubblicato l’11 aprile 1910, firmato da artisti del 900 e pittori del calibro di Umberto Boccioni, Carlo Carrà, Luigi Russolo, Giacomo Balla e Gino Severini.

Anche se, il primo Manifesto dei pittori futuristi era stato pubblicato l’11 febbraio dello stesso anno come volantino della rivista Futurismo Poesia. In quel caso, tra i firmatari comparivano anche Aroldo Bonzagni e Romolo Romani, poi sostituiti dagli stessi Gino Severini e Giacomo Balla.

Le prime opere futuriste appartenenti alla pittura italiana vennero esposte a Milano alla “Mostra d’arte libera”, tenutasi presso la fabbrica Ricordi nel 1912. Il fascino rivoluzionario dei quadri futuristi fu subito evidente.

A volte si tende a fare confusione fra cubismo e futurismo. In realtà, il già citato Boccioni si occupò principalmente del dinamismo plastico e sintetico e proprio del superamento del cubismo.

Artisti del novecento: dal futurismo francese a quello russo

Tra i maggiori pittori futuristi esteri, ci furono i francesi, come Valentine de Saint-Point, che rispose a Marinetti con un manifesto della donna futurista, ma anche i grandi pittori del futurismo russo come Natal’ja Sergeevna Gončarova, Michail Fëdorovič Larionov, Vladimir Vladimirovič Majakovskij (noto soprattutto come poeta, ma frequentò l’Accademia di pittura di Mosca), Kazimir Severinovič Malevič e Aleksandr Michajlovič Rodčenko.

E con questo si conclude lo speciale Unicusano sui pittori futuristi. Ma ricorda: se cerchi un corso di arte o curatore museale, leggi anche la nostra guida su come lavorare nei musei. Lì trovi i migliori master in Museologia, gestione e valorizzazione dei beni culturali.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali